Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 

Qualcuno vuole distruggere la famiglia

Caro don Antonio, consideri qual è la situazione dei matrimoni, oggi. In particolare quelli religiosi, che sono 110 mila all’anno, mentre erano 420 mila nel 1964: un calo del 75 per cento. Se la tendenza dovesse perdurare, i matrimoni in chiesa diventeranno un elemento residuale. Sulla famiglia, la Chiesa ha perso la sua battaglia culturale nei confronti della società laica. E pensare che c’è, nella Chiesa, chi propone di gettare via l’indissolubilità del matrimonio e sdoganare convivenze e nuove forme di unioni come rimedio a questa sconfitta... Mentre, se passassero, sarebbe il colpo di grazia alla famiglia. Tra gli indiziati c’è anche Famiglia Cristiana, che ha fatto da grancassa alla linea “aperturista” del cardinale Kasper sulla Comunione ai divorziati. Occorrerebbe, invece, cogliere quanto ha ben evidenziato il cardinale Scola: «Come facciamo a dire a dei giovani che si sposano oggi, per i quali il “per sempre” è già molto difficile, che il matrimonio è indissolubile, se sanno che, comunque, ci sarà sempre una via d’uscita?».
CARLO P.

Caro Carlo, credo che tu sia vittima di qualche manipolazione giornalistica, che ha trasformato il recente dibattito al Sinodo sulla famiglia in chiacchiere da salotto, con una buona dose di superficialità. Non si può stravolgere la serietà di un confronto tra i padri sinodali sui sacramenti per i divorziati risposati (questione importante, che ha avuto tanta visibilità sui mass media, ma marginale rispetto al resto del dibattito) con affermazioni perentorie che «c’è nella Chiesa chi vuole sdoganare le convivenze e altre forme di unioni». Tranquillo: la dottrina della Chiesa non cambia, ma c’è più attenzione pastorale verso le persone, soprattutto quelle “ferite”.


15 gennaio 2015

I vostri commenti
49

Stai visualizzando  dei 49 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo