logo san paolo
domenica 05 dicembre 2021
 

Quaresima: idee per un digiuno digitale

Con l’inizio della quaresima può essere opportuno tornare a parlare di digiuno digitale.
Non si tratta di una privazione che porta alla rinuncia fine a se stessa, magari nell'illusione che una mortificazione del desiderio possa portare automaticamente a frutti spirituali, ma di scoprire che altri valori e altre dimensioni possono farci riconsiderare tempi e usi degli strumenti elettronici.
Proviamo a suggerire quattro strategie che motivano e sostengono questa proposta di digiuno, soprattutto per i più giovani. La prima consiste nell’invertire il processo di causa effetto secondo il quale la privazione apre allo spirito dimensioni più profonde partendo, invece, da una forte esperienza spirituale che sia in grado di affievolire il desiderio del cordone ombelicale digitale.

La seconda strategia passa per la contemplazione e, di conseguenza, per lo spostamento focale dell’attenzione. «Abbiamo organizzato un'escursione in montagna con la famiglia -mi racconta un padre di tre figli- ti assicuro che una volta giunti in quota i ragazzi si sono dimenticati di tutte le loro diavolerie elettroniche, e non era solo a motivo dell’assenza di campo telefonico». Ciò che affascina riempie, coinvolge, può far passare in secondo piano i legami di dipendenza sciogliendo quello stato ansioso che li alimenta.

La terza strategia parte dagli studi dello psicologo Mihály Csíkszentmihály, che ha descritto l’esperienza ottimale come una proposta che richiede alte sfide e forte coinvolgimento. Lo studioso ungherese ha elencato questi elementi come costitutivi dell’esperienza ottimale: obiettivi chiari, concentrazione totale sul compito, piacere intrinseco, perdita dell’autoconsapevolezza, distorsione delle coordinate spazio temporali, sfida. Chi entra in questo “flusso” è totalmente assorbito, tanto che in ambito sportivo si parla di trance agonistica. Alte sfide come antidoto alla noia e al piccolo cabotaggio.

L’ultima via passa attraverso la relazione umana. La relazione vera e profonda sazia, la relazione frettolosa può creare un groviera affettivo che richiede un costante riempimento digitale. Dai piccolissimi lasciati per ore davanti alla tv alla difficoltà di dialogare a pranzo, passando per i rapporti affettivi gestiti via sms e email la gamma è davvero ampia. Digiuno digitale non come pratica di ascesi, ma come provocazione che spinge a cercare esperienze di pienezza che aiutano a ridimensionare l’invadenza digitale.


23 febbraio 2012

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo