Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Quel torsolo di mela parla di noi

Milano. Metropolitana linea 3. Le nove di sera. Un torsolo di mela, spolpato a morsi fino ai semi, giace sulla nicchia scavata dalla saracinesca chiusa del chiosco del bar nel mezzanino della stazione di Rogoredo. Gettarlo nel cestino - c’era lì a due passi - non avrebbe richiesto all’affamato al termine dello spuntino uno sforzo maggiore, ma un diverso rispetto del bene comune sì.

Tanti dei guai che attanagliano l’Italia cominciano
da lì, dalla scelta di troppi di abbandonare ciascuno il proprio metaforico torsolo dove capita, insozzando spazi di tutti, anziché porsi il problema di affidarlo al cestino. Un torsolo (reale o metaforico che sia) è un problema piccolo, milioni di torsoli sono un problema enorme: il nostro problema con la “p” maiuscola.

Il torsolo sporca, qualcuno deve pulire, pulire costa, nell’attesa il torsolo degrada lo spazio pubblico, il degrado attira altro degrado così la scusa è sempre in canna
: «Tanto era già sporco… Così fan tutti…Non ho visto il cestino».

Ps. Il 19 marzo d 24 anni fa moriva a Milano il giudice Guido Galli, ucciso da Prima Linea. La sua colpa? Battersi per il rispetto della legge e delle regole. Ecco, sforzarsi di insegnare a ogni bambino che ci sta intorno a gettare il proprio torsolo nel cestino potrebbe essere il nostro modo - minimalista ma importante - di onorarne la memoria.


19 marzo 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo