Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 

Quelle trasparenze sfacciate negli abiti da sposa

È a dir poco sconcia la diffusa tendenza di molte giovani spose di presentarsi in chiesa, il giorno del fatidico “sì”, in abiti scollacciati che lasciano trasparire oscene nudità. È una pessima moda che sta prendendo piede sulla scia e l’esempio di tante dive e di tante protagoniste del mondo del gossip. Spalle nude, seni semi scoperti, trasparenze sfacciate: le spose oggi scelgono il vestito per fare scena, come se fossero sul red carpet di una manifestazione mondana o sulla passerella di uno show. Ci si dimentica che il matrimonio in chiesa è un sacramento e non un evento mondano e che il tempio è un luogo sacro in cui la Passione di Cristo non è la passione carnale di due innamorati! E invece assistiamo a cerimonie religiose che hanno le forme della blasfemia e che nessun celebrante si rifiuta di offficiare.

EDGARDO GRILLO

Purtroppo tanti sono influenzati dai film hollywoodiani che raccontano matrimoni “da favola”. Chi si prepara a celebrare il sacramento in chiesa dovrebbe invece essere accompagnato a scoprire la bellezza del rito cattolico, i suoi significati profondi. Questo porterà gli sposi, che sono i veri ministri del matrimonio, a vivere questo momento fondamentale della loro vita con gioia, in un clima di festa, ma nello stesso tempo con sobrietà e rispetto. Concentrandosi su ciò che conta veramente: l’amore che unisce lo sposo e la sposa, immagine Quella foto era inopportuna dell’amore che deve unire a Cristo l’intera comunità ecclesiale. Nell’esortazione Amoris laetitia, papa Francesco scrive: «La preparazione prossima al matrimonio tende a concentrarsi sugli inviti, i vestiti, la festa e gli innumerevoli dettagli che consumano tanto le risorse economiche quanto le energie e la gioia». E così continua: «Cari fidanzati, abbiate il coraggio di essere differenti, non lasciatevi divorare dalla società del consumo e dell’apparenza. Quello che importa è l’amore che vi unisce, fortificato e santificato dalla grazia. Voi siete capaci di scegliere un festeggiamento sobrio e semplice, per mettere l’amore al di sopra di tutto» (n. 212). Una volta ho letto una battuta che contiene un fondo di verità: «La durata di un matrimonio è inversamente proporzionale a quanto si è speso per le nozze». Il problema degli abiti sfacciati si può risolvere tenendo conto di quanto affermano i vescovi del Kenya: «Troppo concentrati sul giorno delle nozze, i futuri sposi si dimenticano che stanno preparandosi per un impegno che dura tutta la vita» (Al 215).


26 marzo 2021

 
Pubblicità
Edicola San Paolo