logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 

Re Salman, l'orchestra suona per te

Re Salman dell'Arabia Saudita (Reuters).
Re Salman dell'Arabia Saudita (Reuters).

Salman bin Abd al-Aziz al Saud, 80 anni, è re dell'Arabia Saudita dal gennaio di quest'anno. In Occidente verrebbe definito un tecnocrate conservatore: è interessato all'economia e alla politica estera, la riforma della società può attendere. non a caso ha fatto un certo repulisti nelle posizioni di potere (via il primo ministro, il ministro della Difesa e quello dei Servizi Segreti) ma non ha nemmeno sfiorato i gangli del rapporto autorità religiose - autorità civili, che fa dell'Arabia Saudita uno dei Paesi islamici più integralisti al mondo.

Da lì, comunque, bisogna prima o poi passare, perché i religiosi non hanno alcuna intenzione di mollare le posizioni di potere che loro derivano dalla gestione dei precetti religiosi wahabiti. Ecco allora che re Salman  potrebbe a breve trovarsi costretto a combattere la "battaglia della musica". La Società saudita per la cultura e per le arti della capitale Riad ha lanciato una serie di lezioni di musica e tanto è bastato perché una serie di importanti figure dell'islam saudita si dicesse contraria.

Sono partite anche larvate accuse di "blasfemia", la clava politico-religiosa che viene sempre usata in questi casi. E, paradosso dei paradossi, contro le lezioni di musica è partita anche una campagna via Internet. La Rete è lecita e la musica è blasfema?

Può darsi che questo sia solo un assaggio, un primo messaggio al re. Del genere: guardare (il potere degli imam) e non toccare. O magari è solo uno sfogo delle frange più intolleranti. Lo vedremo presto. E vedremo come reagirà re Salman.


Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

10 settembre 2015

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo