logo san paolo
mercoledì 20 ottobre 2021
 

Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe - Domenica 28 dicembre 2014

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore. Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nazaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.
Luca 2,22-40

SANTITÀ, PANE PER IL CAMMINO D’OGNI CASA 

Tra i momenti più belli dell’anno che si chiude porto nel cuore la veglia di preghiera che, come Segreteria generale della Conferenza episcopale italiana, abbiamo promosso lo scorso 4 ottobre in occasione dell’apertura del Sinodo sulla famiglia. Vista dal sagrato, piazza San Pietro era un bacile di luci: e non penso tanto alla pur suggestiva immagine offerta da decine di migliaia di candele; il mio pensiero va piuttosto a chi le reggeva, ai papà, alle mamme, ai nonni e ai bambini, espressione del nostro popolo.

«Scende ormai la sera», disse il Papa in quell’occasione, «l’ora in cui si fa volentieri ritorno a casa per ritrovarsi alla stessa mensa, nello spessore degli affetti, del bene compiuto e ricevuto, degli incontri che scaldano il cuore e lo fanno crescere, vino buono che anticipa nei giorni dell’uomo la festa senza tramonto». «È anche», aggiunse con partecipe realismo, «l’ora più pesante per chi si ritrova a tu per tu con la propria solitudine, nel crepuscolo amaro di progetti infranti: quante persone trascinano le giornate nel vicolo cieco della rassegnazione, dell’abbandono, se non del rancore; in quante case è venuto meno il vino della gioia e, quindi, la sapienza stessa della vita...». E non è forse proprio questa realtà ordinaria – che, nella gioia come nella fragilità, fa la vita delle nostre case – ciò che celebriamo nella domenica della Santa Famiglia?

I TEMPI DI DIO.

È la realtà di Abramo, che avverte come il tramonto della vita colga la sua famiglia priva di eredi e sia perciò tentato di non affidarsi alla promessa: «Signore Dio, che cosa mi darai? Io me ne vado senza figli…» (Gen 15,2). Il fare spazio a Dio, ai suoi tempi e ai suoi progetti darà invece inizio a una storia nuova, che contagia anche la moglie Sara: «Per fede, anche Sara, sebbene fuori dell’età, ricevette la possibilità di diventare madre » (Eb 11,11).

Di questa fede è espressione il rito compiuto da Maria e Giuseppe: l’offerta del figlio, come richiedeva la legge mosaica, sottolinea che il Signore della storia individuale e familiare è unicamente Dio; tutto ci viene da Lui. Riconoscere tale primato è santità da vivere nel quotidiano, custodendo ed educando i figli ad aprirsi a Colui che è la sorgente stessa della vita. Passa da qui il segreto della giovinezza, testimoniato paradossalmente nel Vangelo da una coppia di anziani… Simeone, in particolare, ci ricorda che Gesù è venuto per “far cadere” le false immagini che ci costruiamo di Dio e anche di noi stessi; per “contraddire” le sicurezze su cui pretendiamo di appoggiarci; per farci “risorgere” a un cammino autentico.

Non c’è situazione familiare che ne sia preclusa. Perché, come ricordava papa Francesco in quella sera d’ottobre, «ogni volta che torniamo alla fonte dell’esperienza cristiana si aprono strade nuove e possibilità impensate».


26 dicembre 2014

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%