logo san paolo
venerdì 22 novembre 2019
 

Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe (Anno B) - 31 Dicembre 2017

NATI PER ESSERE LUCE, CANALI DI SALVEZZA

Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, [Maria e Giuseppe] portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore.

Luca 2,22-40
   

Attraverso il testo della Presentazione al Tempio, ci troviamo dentro l’arcaica sapienza dei riti ebraici che celebravano la signorìa di Dio sulla vita. I figli erano riconosciuti come suo dono; e il figlio primogenito veniva consacrato a lui. Si praticava la purificazione in occasione degli snodi vitali, la vita, la morte, il mondo della fecondità maschile e femminile. Questi riti dicevano all’uomo: la vita non è tua.

Una coppia doveva presentare un’offerta per dire: questo bimbo non è nostra proprietà. Perché questo è importante? Perché l’amore e il possesso non vanno d’accordo. E se da una parte l’amore materno oggi può diventare in alcuni casi un’illimitata invasione di campo, uno strabordare in una maternità onnivora, per contro l’amore paterno, oggigiorno, può scadere nei minimi dell’assolvimento del dovuto.

La proclamazione dell’autorità di Dio sulla vita è luce sulla responsabilità: si risponde a Dio dei propri figli, non si gioca con la paternità e con la maternità. E nemmeno con la sponsalità.

Abbiamo una deriva di mentalità che è radice di molti disastri familiari. Dal momento in cui percepisco che la mia mascolinità-femminilità e paternità-maternità sono semplici estensioni di sistema del mio ego, sprofondo nella mia inconsistenza, divento vorace e, a seconda delle mie condizioni, rivendico il dominio del figlio, impossessandomene, o il dominio del mio tempo e dei miei ritmi – e un figlio lo faccio solo se e quando me la sarò spassata. E magari finisce che vado in crisi perché non posso più andare al calcetto quando mi gira. La vita è mia, non si può vivere così, debbo riprendermi i miei spazi.

UNIVERSALITÀ. Maria e Giuseppe invece consegnano a Dio il loro bimbo e, attraverso ciò, sé stessi. E in questo contesto compare Simeone, che squarcia le prospettive dei presenti: questo bimbo non vivrà un’esistenza individualista, privata, ma la sua vita ha una portata universale. È per tutto il mondo.

Ma è vero solo di Lui? No. Se – come dice il Concilio – «Cristo svela pienamente l’uomo a sé stesso» (Gaudium et spes, 22) questa portata è di tutti. Purificare la propria maternità e paternità e consacrare a Dio i propri figli sono atti che proclamano lo spessore della nostra vita: siamo di Dio, e siamo secondo la sua grandezza. Anche noi nasciamo per essere luce, canale di salvezza: la nostra vita è molto più grande di una prospettiva privata e mediocre.

Molti uomini e donne fanno soffrire le proprie famiglie perché hanno dimenticato la loro propria grandezza. Ogni uomo che tradisce, o abusa, o abbandona, o trascura, ha obliato la sua bellezza. Nato per essere luce, diviene buco nero che divora sé stesso e gli altri.

Questa è la contraddizione in cui siamo come costretti da Cristo: lui è il segno della nostra importanza, svela la gloria di cui siamo dotati, incompatibile con la nostra mediocrità. Lasciamo che Cristo ci contraddica, che smonti le nostre menzogne, per poter essere condotti alla meraviglia che siamo.


28 dicembre 2017

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%