Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 

Scuola, ritorno sui banchi sognando i libri digitali

Il nuovo anno scolastico è ai nastri di partenza e la domanda torna puntuale in tempi sempre più segnati dall'evoluzione del web 2.0 e dell'interattività: libri di testo cartacei o digitali? Ed è una scelta per stare al passo con il progresso tecnologico (senza contare le ricadute in termini di potenzialità della didattica e nel rapporto scuola-famiglia che questa rivoluzione potrebbe segnare) o soltanto un "banale" e puro calcolo di portafogli, cioè dei risparmi che si potrebbero realizzare facendo il download di tutti i libri dei nostri figli su un solo tablet?

Intanto, mancano circa 12-13 giorni  all'avvio delle lezioni e il caro-libri spinge tante famiglie alla "caccia" dell'usato, principalmente testi di seconda mano scovati in libreria o su siti Internet specializzati, come www.libroscambio.it, oppure www.comprovendolibri.it, o ancora www.studenti.it, che sui libri scolastici usati dà gli indirizzi dei mercatini in tutta Italia per vendere e acquistare.

Secondo un sondaggio di Skuola.net - effettuato su un campione di seimila ragazzi tra 11 e 19 anni - due studenti su tre, o meglio i loro genitori visto che per il 60% sono loro a occuparsene, optano per l'usato, mentre un ragazzo su tre sogna i "sussidiari" digitali, dei quali si parla da anni, senza che si sia mai arrivati però a una vera svolta "elettronica", tranne che in alcuni Istituti sperimentali, anche se già lo scorso aprile il ministero dell’Istruzione pubblicava la circolare sui libri di testo per l'anno scolastico 2014-2015 (eccola, per chi vuole leggerla integralmente), che introduce l'obbligo per i testi di nuova adozione delle versioni digitali o miste (versione cartacea accompagnata da contenuti digitali integrativi, versione cartacea e digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi, versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi): quindi non possono più essere adottati nuovi testi in formato solo cartaceo.

L'utilizzo estensivo dei testi digitali è tuttavia ancora un sogno per i ragazzi che comunque, di fronte alle prime esperienze portate avanti in alcune scuole, si dicono assolutamente favorevoli. Tanto che, alla domanda «preferiresti un libro cartaceo o digitale?», il 55% ha scelto il digitale. Per l'esattezza un 50% vorrebbe tutti i libri nel formato digitale, l'altra metà solo alcune materie. Il restante 44% opterebbe invece per il formato tradizionale, quello cartaceo. Pochi i tablet però tra i banchi: restano ancora un miraggio i tempi in cui ogni ragazzo avrà il suo tablet su cui studiare: solo uno studente su 3 ne possiede uno e lo usa anche per lo studio, e tra questi, 2 su 3 ne possiedono uno personale mentre gli altri usano quello di famiglia. Un ragazzo su 4 possiede l'iPad ma non lo utilizza per approfondire le materie scolastiche, mentre il restante 45% non ha un tablet in casa.


01 settembre 2014

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo