logo san paolo
sabato 11 luglio 2020
 

Se a Betlemme brucia il monastero

Una veduta di Betlemme.
Una veduta di Betlemme.

Nel corso del fine settimana, a Betlemme, è stato dato alle fiamme il convento maronita di San Charbel, situato nella zona di Wadi Maali, un'area abitata soprattutto da musulmani. Come si sa, Betlemme è l'unica città della Palestina dove la presenza cristiana è notevole anche nelle persone, e non solo nei monumenti. Vera Baboun, la sindachessa della città, è cristiana, oltre a essere la prima donna sindaco nella storia certo non brevissima del luogo.

Anche per queste considerazioni l'incendio doloso del convento è una bruttissima notizia. Come per l'attacco, con successivo incendio, della Tomba del Patriarca Giuseppe a Nablus, non molti giorni fa, è la dimostrazione che l'islamismo radicale e Hamas cercano con ogni mezzo di mettersi alla testa della protesta palestinese in Cisgiordania e di giocarla tanto in chiave anti-israeliana quanto in funzione anti-Fatah e anti-Abu Mazen, per mettere a frutto l'insoddisfazione generale nei confronti della gestione dell'Autorità Palestinese.

E che ci fosse anche l'Autorità nel mirino è dimostrato dal fatto che il Governo di Abu Mazen aveva stanziato 100 mila dollari per il restauro del monastero, in questo periodo vuoto propprio perché oggetto di lavori.

Tutto questo non diminuisce la preoccupazione dei cristiani perché come sempre, in queste situazioni, le minoranze etniche o religiose sono il bersaglio preferito di tutti gli estremismi. E il Governo di Abu Mazen non pare avere né l'autorevolezza politica né l'energia poliziesca per intervenire in modo adeguato sul fenomeno.

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

28 ottobre 2015

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%