logo san paolo
domenica 14 agosto 2022
 
Votantonio Aggiornamenti rss Francesco Anfossi - Votantonio

Se al Pdl piacciono i contanti

In politica si dovrebbe rifuggire dai luoghi  comuni. Come quello di un elettorato di dipendenti pubblici  scansafatiche garantiti dal Centrosinistra o di quell'altro che parla di un esercito di evasori fiscali grandi e piccoli salvaguardati dal Centrodestra. La storia dei contanti però rischia di portare acqua al mulino del secondo luogo comune. Una delle armi più efficaci per combattere l’evasione è limitarne l’uso, in modo da rendere i pagamenti quanto più tracciabili. Il ministro Saccomanni infatti vorrebbe ridurre l’attuale limite (di mille euro). Ma il Pdl non ci sta e strepita, protesta, contesta. Il ministro (degli Interni!) Alfano propone addirittura il contrario: “Occorre aumentare l’uso del contante e contrastare l’evasione fiscale consentendo di conservare scontrini e fatture e scaricare tutte le spese. In America funziona e funzionerebbe anche qui”. Peccato che il metodo consentirebbe di continuare gli “inciuci” tra gli evasori e i loro clienti (caro idraulico, fornitore, carrozziere, parrucchiere, io non le chiedo la fattura, e in cambio lei mi fa uno sconticino maggiore della detrazione, così mi risparmia pure la scocciatura di conservare scontrini e  fatture). La citazione dell’America, poi, dove manca solo che ti chiedano la carta di credito anche per un caffè, è una foglia di fico fantasmagorica. Ecco perché sulla faccenda dei contanti, ai simpatici ministri del Pdl (che oltretutto - sia detto en passant -  hanno come capo un signore condannato in giudicato per frode fiscale), converrebbe ripensarci. Mica per altro, quanto meno per allontanare certi cattivi pensieri.  


30 ottobre 2013

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo