logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 

Se bicicletta vuol dire libertà

Due ragazze in Arabia Saudita (Reuters).
Due ragazze in Arabia Saudita (Reuters).

Tanta pubblicità e le sale cinematografiche migliori. Così Israele haaccolto Wadjda, un film girato dalla regista Haifaa al-Mansur, originaria dell'Arabia Saudita. Il caso è clamoroso per tante ragioni.

In primo luogo, l'Arabia Saudita non ha un'industria cinematografica. Al contrario: negli ultimi 40 anni non è stato aperto nessun cinematografo, tanto che esiste un vero "turismo filmico" dei sauditi verso il confinante Bahrain. Per girare la regista ha dovuto usare mille trucchi, compreso quello di dare i ciack da un furgone per non essere vista in pubblico mentre interagiva con gli uomini della troupe.

Seconda ragione: il film viene proiettato in Israele solo grazie alla casa di produzione, tedesca, perché non vi sono accordi di distribuzione tra l'Arabia Saudita e Israele, per ragioni ovviamente politiche.

Terzo: il film è piuttosto eccezionale anche per la storia che racconta, quella di una ragazzina saudita di 10 anni che sogna una bicicletta anche se nel suo Paese è vietato alle donne andare in bici. A dispetto dei divieti, la ragazzina comincia a metter da parte i soldi per comprarsi la bicicletta, mentre nel frattempo mette in atto ogni sorta di astuzia per farsi beffe degli adulti, dei professori e persino delle autorità religiose che vogliono impedirle di realizzare il suo sogno.

Wadjda, la ragazzina, è ovviamente una metafora della condizione della donna in Arabia Saudita. E il sogno della bicicletta rimanda immediatamente alle polemiche, anche recenti, sul fatto che le donne saudite non possono guidare l'automobile. Al-Mansur, la regista, ha condotto il suo film con ironica grazia. Sarà un caso, ma poco dopo l'uscita del film la casa reale saudita ha revocato il divieto alla bicicletta per le donne.

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

19 novembre 2013

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo