logo san paolo
giovedì 27 gennaio 2022
 

Se non si pensa prima ai figli e al futuro qualsiasi legge è inutile

Sono un medico ancora in attività. Di solito non scrivo al “Direttore”, ma oggi, dopo aver letto la lettera di Anna F. “Il mio disagio come credente” (FC n. 8/2016), voglio esprimere la mia rifl“essione sull’adozione da parte delle coppie omosessuali. Le conoscenze scientiŽche dicono che l’embrione già da quand’è nell’utero e, ancor più, nei primissimi anni di vita, “assorbe” una quantità di stimoli di varia natura, che possono infl“uenzare e “forgiare” – in positivo o in negativo – i profiŽli della futura vita. Inoltre, l’allattamento e la “cura” materna forniscono ulteriori e signiŽcative qualità esistenziali. Mi pare che tutti questi aspetti vengano trascurati quando si parla dell’adozione di un bambino da parte di una madre “non biologica”. Vi sono, poi, anche gli aspetti “psicologici” che non vanno ignorati. Concludo con un’annotazione: la famiglia è riconosciuta dallo Stato anche perché è generatrice di Žfigli, senza i quali la popolazione potrebbe estinguersi. La coppia omosessuale (cui si possono riconoscere alcuni diritti civili, senza ricorrere a rimedi discutibili quali l’utero in affiŽtto o altro), non genera Žfigli. Quindi, non è “istituzionalmente” famiglia.

ERNESTO B. - Brescia

Ho appena letto le tre lettere in merito al decreto Cirinnà (FC n. 11/2016). La mia delusione è tanta per tutti quegli italiani che proprio non riescono o non vogliono vedere o prevedere le conseguenze delle nostre decisioni di legge. Stampa e Tv sono riusciti a farci pensare come vogliono chi li controlla. Ormai, i fatti scomodi sono subito dimenticati o cancellati. Ad esempio, da oltre vent’anni la Consulta ha affermato che il carico fiscale per le famiglie è iniquo, invitando il legislatore a porvi rimedio, ma nessuno ha fatto nulla, tanto meno se ne parla. In Europa ci sono nazioni, come Francia e Germania, che hanno politiche Žfiscali più attente alle famiglie. Qui anche i negozi sono chiusi la domenica: ma di questo nessuno fa cenno. Se dovessimo seguire solo la nostra stampa, penseremmo che i pedofiŽli siano solo i preti. Per favore, non mollate! Ormai, solo voi e pochi altri dite la verità con coraggio.

ANDREA D. - Vicenza

Una volta spenti gli ardori politici per l’approvazione del decreto Cirinnà, ci saremmo aspettati altrettanto vigore nel mettere in atto, in tempi rapidi e con un ampio dibattito nel Paese, anche leggi a favore delle famiglie con fi€gli. A cominciare da un €fisco equo, che permetta ai genitori di mettere al mondo un bambino con serenità, senza correre il rischio di €finire in povertà per mancanza di “reti” di sostegno, quali robusti assegni familiari e asili nido. Ce lo chiede, innanzitutto, il buon senso. Ma anche la ricerca del bene comune. E c’è pure un’urgenza che deriva dal pauroso calo delle nascite e dal rapido invecchiamento del Paese. In assenza di €figli e di futuro, ogni altro discorso diventa superfl…uo o strumentale.


17 marzo 2016

Discussione collegata
I vostri commenti
12

Stai visualizzando  dei 12 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo