Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 22 giugno 2024
 

Nuove forme di solitudine nell'era digitale

di DAVIDE BANZATO, sacerdote e conduttore televisivo

Viviamo nell’epoca della comunicazione eppure, mai come oggi, c’è una profonda solitudine che attanaglia il cuore di tantissime persone. Gli italiani trascorrono più di 7 ore al giorno collegati a internet, usandolo principalmente per navigare nei social network. Diversi studi hanno dimostrato che questo comportamento incide negativamente sulla salute delle persone, aumentandone ansia, stress e solitudine.

Questa è una delle sfide dei nostri giorni: l’ambiente digitale è un’occasione per percepire e accogliere le nuove forme di solitudine.

Ma come creare sinergia tra la comunicazione sui social e gli incontri tra persone nella realtà fisica?

Nella mia esperienza personale e comunitaria a Nuovi Orizzonti, realtà in cui svolgo la mia missione di sacerdote ed evangelizzatore, innanzitutto cerco di vivere con consapevolezza l’accesso a internet, limitandone i tempi di utilizzo, per non privarmi delle relazioni nel mondo offline. Poi il tempo speso online è qualificato nell’evangelizzare, a partire dai contenuti condivisi all’ascolto di un “grido di aiuto”, che hanno fatto diventare i nostri social dei veri e propri “centri d’ascolto online”, potendo dare conforto, speranza e indicazioni concrete in varie situazioni di disagio. Non riuscendo a rispondere a tutti, lavoro in team, affinché chiunque riceva comunque una risposta. Molte volte dai contatti nei social si passa a quelli via email, dove una persona può esprimersi in modo più esauriente e spesso questo porta a un incontro di persona, attraverso una rete di Centri di ascolto in tutta Italia, dove le persone possono essere indirizzate grazie al sito www.informa.me per contattare i propri referenti regionali.

Gli incontri del “percorso di conoscenza di sé e guarigione del cuore”, basato sul Vangelo, ideato da Chiara Amirante, oltre a radunare in presenza in Italia e all’estero migliaia di persone, sono anche disponibili sulla piattaforma www.spiritherapy.org, che ha raggiunto 40.000 persone di 80 Paesi, con una traduzione simultanea in inglese, spagnolo, francese, portoghese, ucraino e lingua dei segni, dando la possibilità a tanti di partecipare agli incontri in diretta, ai gruppi di condivisione online, oppure di seguire on demand e con podcast.

Tante persone che ci hanno conosciuto online, sono poi arrivate anche a incontrarci personalmente agganciandosi a un gruppo. Tutto questo è stato possibile facendo squadra e cercando di capire come rispondere alla richiesta di un percorso per chi è in zone dove non siamo presenti. Il frutto più bello è che molte persone che si sono avvicinate in un momento di difficoltà, nel tempo sono diventate a loro volta “nuovi evangelizzatori” nel proprio ambiente lavorativo e familiare, così come nel web. Le strade possono essere tante; sicuramente quella “sapienza del cuore”, invocata dal Papa, deve mettere in moto la creatività di ciascuno, creatività che è la caratteristica specifica dell’unico e primo agente di ogni forma di evangelizzazione: lo Spirito Santo, che è Amore, e che meglio di chiunque crea comunicazione e crea unità!

- Articolo tratto da PAGINE APERTE, speciale Settimana della Comunicazione

Vai alla versione sfogliabile o scarica il pdf


09 maggio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo