logo san paolo
lunedì 29 novembre 2021
 

Siamo disposti ad accogliere, ma nessuno ci contatta

Siamo una “famiglia affidataria del Terz’Ordine francescano”. Da anni, in collaborazione con i Servizi sociali territoriali, siamo a disposizione per l’accoglienza di minori con dif ficoltà familiari. In quest’ultimo periodo, stiamo segnalando la nostra disponibilità anche per i bimbi profughi non accompagnati, ma non troviamo risposte. Siamo consapevoli che l’argomento è molto delicato, per questo abbiamo chiesto delucidazione ai servizi sociali coi quali siamo associati. Ci hanno risposto che, essendo la nostra regione non interessata agli sbarchi, non possono occuparsene, sono abilitati a intervenire solo nelle aree assegnate. Noi non vorremmo demordere, ci sembra una valida occasione per sperimentare la nostra francescana scelta di attenzione alle categorie più fragili. Se non le chiediamo troppo, può far conoscere a chi di dovere la nostra disponibilità?
RUCY E MICHAEL

Detto fatto. Pubblico la vostra dichiarazione di disponibilità ad accogliere minori profughi non accompagnati e senza una  figura adulta di riferimento. In Italia sono ancora tantissimi, quasi ignorati, nonostante richiedano una corsia preferenziale. Spero che chi di dovere legga e, tramite la rivista, possa contattarvi.


24 settembre 2015

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo