Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Silenzi sospetti

In un Paese, il nostro, - in cui l’arresto dell’ex capo della squadra mobile di Vibo Valentia e del suo vice, accusati di inabissare inchieste per non disturbare la ‘ndrangheta, e la custodia ai domiciliari dell’ex capo dei vigili urbani di Roma,  sospettato di aver favorito indebitamente una ditta in un appalto, sono cronaca ordinaria di un giorno qualunque - fa specie non vedere la lotta alla corruzione al centro del dibattito. Non solo priorità del freschissimo Governo, ma della classe politica tutta.  

E, invece, non se ne parla o se ne parla sulle uova, quasi che il solo parlarne potesse terremotare equilibri, spostare consensi, alimentare dissensi, irritare alleati nelle larghe intese.  
Che dobbiamo pensare? Che ci sia un segmento della nostra classe dirigente - sufficiente a spostare equilibri significativi - cui la corruzione piace facile? Pronto a impallinare qualunque Governo manifesti anche solo l’intenzione di combatterla con serietà?  

Siamo sicuri che il fatto che la lotta alla corruzione a casa nostra divida anziché unire sia un segnale all’altezza di un Paese europeo, democratico, civile?  

Ps. Nemmeno chi rifiuta ogni dialogo può sentirsi immacolato, lascia il sospetto di tifare per lo sfascio mentre il Paese brucia, sperando di raccogliere alla fine voti sulle macerie.


26 febbraio 2014

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo