logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 

Siria: armi chimiche, speriamo non siano solo una scusa

Nella cartina elaborata dalla Bbc, i siti per la produzione e lo stoccaggio di armi chimiche in siria.
Nella cartina elaborata dalla Bbc, i siti per la produzione e lo stoccaggio di armi chimiche in siria.

L'annuncio è arrivato da Jerry Smith, il capo degli ispettori mandati in Siria Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OpcW) dopo l'accordo internazionale per neutralizzare l'arsenale chimoco di Bashar al Assad. "Ho personalmente controllato la distruzione di tutti gli impianti", ha detto Smith: "non sono più in grado (il regime siriano, n.d.r) di produrre o elaborare armi chimiche".

Gli ispettori dell'Opcw (organizzazione che ha avuto l'ultimo Premio Nobel per la Pace) sono stati in 21 dei 23 siti siriani per la produzione di armi chimiche. I due siti mancanti si trovano in zone troppo pericolose, ma proprio per l'avvicinarsi dei combattimenti i macchinari erano già stati spostati.

Si tratta di un bel passo avanti ma il problema è lungi dall'essere risolto. L'esercito siriano dispone, a quanto si sa, di circa mille tonnellate di gas nervino e altre micidiali sostanze, disperse in una dozzina di magazzini. Bisognerà, in sostanza, distruggere le armi già prodotte, e prima ancora censirle e trovarle tutte, prima che vengano eventualmente impiegate. Non è poca cosa.

E soprattutto non va dimenticata una cosa: gli stessi Usa, che volevano intervenire in Siria, hanno attribuito alle armi chimiche di Assad circa 1.500 morti. Ma in due anni e mezzo di guerra civile, in Siria sono morte più di 100 mila persone e gli scontri hanno prodotto 2 milioni di rifugiati (siriani scappati nei Paesi confinanti) e 4,5 milioni di profughi (siriani che si sono spostati all'interno del Paese). Nella tragedia, le armi chimiche sono state finora solo un'aggravante, non la causa e nemmeno l'elemento principale. Speriamo quindi che l'intervento per neutralizzare i gas non sia solo una scusa per tornare al disinteresse di prima, quando i siriani morivano ma, poiché avveniva con armi tradizionali, a nessuno sembrava cosa grave.

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

31 ottobre 2013

Discussione collegata
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo