Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Test di retroattività

Antefatto: il 9 settembre si sono tenuti i test d’ingresso per la facoltà di Medicina. Lo stesso giorno il Governo ha annunciato, attorno alle 12.30, dunque a test in corso, che la valutazione non terrà conto del bonus di punteggio derivante dal voto di maturità, fino a quel momento previsto e in grado di determinare uno scarto anche  di 10 punti.

E ora chi spiega, senza tirare in ballo i maiali di Orwell, agli aspiranti medici che hanno scoperto i nuovi criteri di valutazione a test appena consegnato, che, contro la presunta retroattività della Legge Severino sulla decadenza dei parlamentari, gli stessi che l’hanno scritta e votata sono pronti a ricorrere alla Corte europea di Strasburgo, alla Corte di Giustizia europea del Lussemburgo, alla Corte costituzionale (una puntatina a Lourdes no?) e che, invece, per il test d’ingresso all’università cambiare le regole in corsa va benissimo?

Ps. Davvero ci voleva la sfera del mago Otelma per prevedere che, in un Paese tra i più propensi al contenzioso legale in Europa, questo formidabile tempismo scaricherà sul Tar una slavina di ricorsi?


12 settembre 2013

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo