Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 

Tra inverno demografico e rifiuto degli immigrati

Desiderio di genitorialità e accoglienza dei migranti non vanno contrapposti, come ci ha ricordato papa Francesco. Sono fenomeni molto simili o addirittura sovrapponibili.
Chi è più bisognoso di accoglienza e più sconosciuto, più imprevedibile, più destabilizzante di un figlio in arrivo? Qualsiasi persona, famiglia, società che desidera e mette al mondo figli guarda al futuro con fiducia, è pronta ad accettare la sfida della novità, è disposta a rivoluzionare la propria vita. Ha lo stesso atteggiamento mentale necessario per l’accoglienza dei migranti. Che, certo, porteranno non solo energie vitali e cambiamento, ma anche difficoltà, scontri, sacrifici. E quale figlio non causa ai genitori, oltre  a immensa gioia, anche sofferenze, rinunce, incomprensioni? Accoglienza di figli e di stranieri sono realtà diverse, che però richiedono la medesima disposizione d’animo. Sono certa che se riuscissimo a ritrovare la grinta per accettare sfide impegnative e a irrobustire la nostra fiducia nel domani, e se spostassimo la nostra attenzione dal noi e dall’oggi al domani e agli altri, riusciremmo a superare la difficoltà ad accogliere stranieri e l’inverno demografico.

Marina Del Fabbro
 

Cara Marina, sono considerazioni condivisibili. Un figlio è una promessa di futuro, è una freccia lanciata in avanti che nessuno potrà più governare, perché le sue scelte libere contribuiranno a dare un volto nuovo al mondo. E così una persona che raggiunge il nostro paese apre a un disegno inedito, inaspettato, con tutti i rischi e le fatiche che questo comporterà per lui e per la società che lo accoglie. In fondo è la paura il minimo comune multiplo dell’inverno demografico, che sta minacciano la sopravvivenza della nostra Italia, e dell’ostilità verso gli immigrati. Una società paurosa non ha futuro.


26 giugno 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo