logo san paolo
mercoledì 26 gennaio 2022
 

Tra moglie e marito non mettere il dito... E neppure Facebook

È accaduto a Napoli, storia che ha dell'incredibile. Ma che rappresenta bene quello che oggi è un vero problema sui social network, e cioè la privacy. Che è sempre meno una questione di regole stabilite dal fornitore di servizi, che sulla regolazione della privacy lasciano un ampio ventaglio di possibilità, e sempre più una faccenda che attiene al buon senso e alla nostra capacità di comprendere quello si può o non pubblicare su un "social". Insomma, un marito è ricorso contro la moglie che, senza il suo consenso, ha pubblicato su Facebook il loro albun di nozze. Il giudice ha dato ragione al marito e ne ha ordinato la rimozione.

E' stata applicata una legge del 1941, quando Facebook non avrebbero neppure immaginato che un giorno potesse esistere. Lei pubblica sul proprio profilo le foto del viaggio di nozze che la ritraggono accanto al marito. «Le ha pubblicate senza il mio consenso», afferma lui in un ricorso al giudice che gli dà ragione e ordina la rimozione delle immagini, prospettando anche un'eventuale condanna della donna al risarcimento dei danni.

La decisione è stata adottata a Napoli dal giudice monocratico del Tribunale civile che ha accolto il ricorso di urgenza. Soddisfazione è stata espressa del legale del marito, l'avvocato Ciro Renino e dai legali dello studio che si sono occupati della controversia giudiziaria: «Si tratta di una decisione inedita, destinata a costituire un punto di riferimento per gli utenti Facebook». Le foto pubblicate erano state scattate durante il viaggio di nozze avvenuto una decina di anni fa e «rimandavano a momenti di serenità: un abbraccio, un bacio appena accennato, scene insomma di ordinaria serenità coniugale». La moglie, nella sua memoria difensiva, aveva sostenuto che «l'uso dei social network è oggi talmente evoluto da poter considerare la bacheca di Facebook non diversamente da un album fotografico privato».


14 agosto 2014

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo