logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 

Troppi soldi per gli animali

Sono rimasto sconcertato dopo aver letto l’articolo della Colò sui gatti di strada, dei quali dovrebbero occuparsi i sindaci. Ma in che mondo vive? Non si può ripetere all’infinito che chi non ama gli animali non ama gli uomini. È una menzogna. Gli animali vanno rispettati, non amati! Vanno amati i bambini soli, i poveri, gli ammalati... È immorale destinare risorse per cani e gatti. I politici si occupino di altro, non di leggi sui “diritti” degli animali. Caro direttore, faccia trovare sulla scrivania della Colò, una fotocopia del “Caso della settimana”. L’aiuterà a riflettere. Mi scusi lo sfogo, ma ho dedicato quarant’anni della mia vita agli ammalati. So che andrò all’inferno e là troverò cani e gatti che mi morsicheranno il sedere. O forse no, andrò in paradiso perché ho amato gli uomini fatti a immagine di Dio.

Roberto S.

Potremmo metterla in positivo: chi ama gli animali ama anche gli uomini. Sono gli eccessi che non vanno bene. E, giustamente, fanno gridare allo scandalo. Certo che ci sono delle priorità, e queste vanno rispettate. Ciò, però, non vuol dire disprezzare gli animali o non avere rispetto della natura. Alla fine, tutto si tiene.


07 febbraio 2013

I vostri commenti
17

Stai visualizzando  dei 17 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo