logo san paolo
venerdì 21 gennaio 2022
 

Un chip sotto la pelle, pazzia o futuro?

Il chip sotto la pelle nel braccio di Tim Cannon.
Il chip sotto la pelle nel braccio di Tim Cannon.

Ci siamo! Blade Runner non è più un film, è quasi realtà. Gli "androidi" forse vivranno in mezzo a noi, come gli "ultracorpi" in un vecchio film di Don Siegel. Il giovane che vedete in questo video si chiama Tim Cannon e dice che non vuole morire, vuole vivere migliaia e migliaia di anni. E allora si impiantato un chip sotto la pelle: da solo, senza l'aiuto di un medico. Un bel taglietto e poi si è dato «due punti».

Si definisce un "biohacker". Punta al massimo della comunicazione digitale possibile: il proprio corpo che dialoga con l'ambiente circostante. Il dispositivo che si è messo sotto  pelle è un device con batteria autonoma che registra i dati del corpo di Cannon e li trasmette al suo smartphone Android. Siccome nessun chirurgo ufficiale ha voluto certificare questa operazione, cannon si è rivolto a un team di tattuatori, che ha usato del ghiaccio per limitare il dolore dell'innesto.

Ecco: il dispositivo che si è inserito nel corpo si chiama Circadia 1.0.

Quando saremo al Circadia 10.0 saremo bionici
?



08 novembre 2013

 
Pubblicità
Edicola San Paolo