Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 

Una chiesa aperta ai soli uomini. Più vicina ai maschi o maschilismo?

Caro don Stefano, nel mio paese il parroco ha ripristinato un incontro abolito da anni: il primo venerdì del mese per “soli uomini”. Negli anni ’50 in questo modo si attiravano gli uomini, specie i contadini che non facevano mistero di essere comunisti.

Si parlava di confessione e di comunione e poi tutto finiva con una cena, preparata naturalmente dalle donne della parrocchia. Nel 2024 mi sembra anacronistico: nessuno è più legato alla terra e lo scopo non è più politico.

Oggi alcuni hanno accolto questi “primi venerdì”, anche perché così si ritrovano e, si sa, gli uomini stanno sempre volentieri tra di loro. Mio marito è uno di questi. Gli ho chiesto se è riuscito a capire perché noi donne siamo ancora relegate al ruolo di serve ma non mi ha saputo rispondere. Voglio sperare che sia un caso isolato di chiesa maschilista.

F.B

Cara amica, di queste perplessità dovresti parlarne con il tuo parroco. Ogni stagione ha la sua forma di pastorale: negli anni ’50 si usciva dalla guerra e, con il “pericolo rosso” molto attuale, la Chiesa cercava di evangelizzare aggregando, magari con fini ricreativi, i “lontani”.

E lo ha fatto secondo la modalità di sempre: parlando di Dio intorno a una mensa. In quel caso, con le donne a “servire”, forse ripagate dal fatto che i loro mariti sentissero almeno qualche volta parlare di Gesù. Era una società lontana da quella attuale, con valori profondi condivisi anche da chi non si proclamava cristiano. Basta pensare alla saga di Peppone e don Camillo, che ci restituisce oggi, nella sua apparente ingenuità, il clima di quei tempi.

Ma i tempi cambiano. L’iniziativa della tua parrocchia mi sembra una buona notizia, perché riesce ancora oggi ad aggregare gli uomini, ieri come oggi quelli più retrivi a entrare in chiesa. Se allora le ragioni erano ideologiche, oggi è più l’indifferenza, mascherata spesso da mancanza di tempo. Mi chiedo, allora, se quel “servire” delle mogli non possa piuttosto essere visto come una complicità chiesta loro per aiutare il vostro pastore a parlare di Dio ai loro mariti, e poi vivere tutti insieme un momento conviviale.

Se, però, ti senti trattata da “serva”, sei sempre libera di declinare. In fondo, oggi si mette su una cena in modo semplice, ordinando ad esempio qualche teglia di pizza al taglio. Ma sai che noia fra soli uomini...


09 maggio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo