Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 

Uno smartphone come regalo di fine III media?

Non basta più un cellulare qualsiasi, per quanto carino, con radio e fotocamera. La diffusione di questi incroci tra il cellulare e il computer, con la connettività e la portabilità del primo e le infinite opportunità del secondo, aumenta costantemente. Nascono ogni giorno nuove applicazioni (le Apps) che aggiungono le più disparate funzionalità a questi gioielli della tecnologia. La più famosa? Il sistema di messaggistica per cellulari WhatsApp, che consente di scambiarsi messaggi dagli smartphone praticamente a costo zero.

Crescono anche le difficoltà dei genitori.  Figli perennemente attaccati all’aggeggio, che non se separano neanche di notte. Figli che non consentono limitazioni d’uso e hanno reazioni folli se un genitori prova a sottrargli l’adorato strumento. Figli connessi a facebook, o ai videogiochi, o a ogni altro sito internet in qualunque istante. Facilitati da abbonamenti sempre meno costosi, con offerte estive a prezzi stracciati.

Spesso ci si accorge di tutto questo dopo avere dotato i figli di questi strumenti. Magari donati da nonni e zii in occasione di fine anno scolastico, compleanno, natale  o cresima. Sempre più precocemente, nel corso della scuola media.

Janell Burley Hoffmann, blogger, collaboratrice dell’Huffington Post, sposata e madre di cinque figli tra i 13 e i 5 anni, si è posta il problema. Regalando per Natale un Iphone al figlio tredicenne, gli ha scritto una lettera-contratto con una serie di norme da rispettare. Ve ne presento una versione ridotta. Se volete potete trovare la lettera completa in originale qui: http://www.janellburleyhofmann.com/gregorys-iphone-contract/ ,  e in italiano qui: http://www.huffingtonpost.it/janell-burley-hofmann/al-mio-tredicenne-un-cont_b_2423086.html

 

1. Il telefono è mio. Lo pago io. Te lo sto prestando...

2. Saprò sempre la password.

3. Se suona, rispondi. Di' ciao, sii educato. Non ignorare mai una telefonata se sullo schermo c'è scritto "mamma" o "papà".

4. Consegna il telefono a uno dei tuoi genitori alle 19.30 in punto nei giorni di scuola e alle 21 nei fine settimana. Resterà spento durante la notte e sarà acceso nuovamente alle 7.30 di mattina…

5. Il telefono non viene a scuola con te.

 6. Se il telefono cade nella tazza del gabinetto, si rompe cadendo a terra o scompare, sei responsabile dei costi di sostituzione o riparazione…

7. Non usare la tecnologia per mentire, imbrogliare o deridere un altro essere umano. Non prendere parte a conversazioni che potrebbero far soffrire altri. Sii innanzitutto un buon amico e stai lontano dai guai.

8. Non scrivere in messaggi o email cose che non diresti di persona.

9. Non scrivere in messaggi o email cose che non diresti a voce alta a qualcuno davanti ai suoi genitori…

 10. Niente porno… Se hai una domanda riguardo qualsiasi cosa, chiedi a qualcuno - preferibilmente a me o a tuo padre.

11. Spegnilo, mettilo silenzioso, nascondilo in pubblico. Specialmente in un ristorante, al cinema o mentre parli con un'altra persona. Non sei maleducato, non permettere all'iPhone di cambiarti.

12. Non inviare o ricevere fotografie delle tue parti intime o delle parti intime di qualcun altro. Non ridere. Un giorno sarai tentato di farlo nonostante tu sia molto intelligente…E' sempre una pessima idea. Il cyberspazio è vasto e più potente di te. Ed è difficile far scomparire qualcosa da questo spazio - inclusa la cattiva reputazione.

13. Non fare miliardi di foto e video. Non c'è bisogno di documentare tutto…

14. Qualche volta lascia il telefono a casa e sentiti sicuro di questa decisione… Impara a vivere senza. Sii più grande e forte della paura di perderti qualcosa.

15. Scarica musica che sia nuova o classica o diversa da quella sempre uguale che ascoltano milioni di tuoi coetanei…

16. Fai qualche gioco con le parole, qualche puzzle o giochi che stimolino la mente di tanto in tanto.

17. Tieni gli occhi aperti. Guarda cosa succede attorno a te. Osserva fuori dalla finestra. Ascolta gli uccellini. Fai una passeggiata. Parla con uno sconosciuto. Fatti domande senza cercare risposte su Google.

18. Sbaglierai. Ti confischerò il telefono. Ci metteremo seduti e ne parleremo. Ricominceremo. Io e te continuiamo sempre a imparare qualcosa di nuovo…

E conclude ricordando al figlio di fidarsi della propria testa e del proprio grande cuore più di qualsiasi apparecchio. Che ne dite?


21 giugno 2013

Discussione collegata
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo