Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 

Usa e Iran condannati al dialogo

Donne iraniane in una strada di Teheran (Reuters).
Donne iraniane in una strada di Teheran (Reuters).

Fare previsioni è un mestiere a rischio di pessime figure. Non pare però azzardato dire che la situazione in Medio Oriente, nella sua drammaticità, sembra favorire una ripresa dei contatti tra gli Usa e l'arcinemico Iran.

Come il nulla di fatto ai colloqui di Ginevra dimostra, la situazione della Siria è sfuggita a tutti di mano. L'Iran (con la Russia e l'Hezbollah libanese sostiene il regime di Assad, che però non ha futuro. D'altra parte, gli Usa hanno parteggiato per la rivoluzione democratica senza riuscire a impedire che si trasformasse nel suo esatto contrario: oggi tra i ribelli dominano i gruppi più o meno affiliati ad Al Qaeda al punto che James Clapper, direttore dell'intelligence americana, nella sua relazione al Senato sulle minacce internazionali,  li ha inseriti tra i pericoli per la sicurezza nazionale Usa. I servizi segreti amwericani calcolano ormai in quasi 8 mila il numero dei combattenti stranieri in Siria, al punto che l'Arabia Saudita, tradizionale alleato degli Usa, ha dovuto introdurre pene detentive fino a 30 anni per impedire ai suoi cittadini di arruolarsi tra le milizie.

Tra Usa e Iran si è già aperto un canale diplomatico semi-ufficiale sulla questione del nucleare. Arrivare a un accordo preme a entrambi: l'amministrazione Obama ha bisogno di portare a casa un risultato, anche per tranquillizzare Israele e magari convincere il Governo dello Stato ebraico a non far abortire le trattative di pace con i palestinesi. Ma anche l'Iran deve riuscire ad affrancarsi dalla condizione di "Stato canaglia" se vuole che le sanzioni economiche internazionali siano revocate e la comunità degli affari possa approfittare delle aperture del presidente Rohani.

La guerra civile in Siria è un grosso problema per entrambi ed è dunque il terreno ideale su cui sperimentare una qualche forma d'intesa. Certo, non è cosa facile. Non tanto per i due interlocutori principali ma per il cumulo di rapporti e alleanze che si portano dietro. Se la Casa Bianca dialoga con gli ayatollah, come reagiranno gli emiri del Golfo e Israele, oggi paradossalmente allineati su molti temi? Se gli ayatollah dialogano con la Casa Bianca, come reagiranno la Russia e l'Hezbollah libanese? Basterà la necessità a far ragionare così tante teste?



Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

17 febbraio 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo