Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 

«Vado a ballare senza marito, mi devo sentire una scostumata?»

Gentile Direttore,

sono sposata e senza figli, vado d’accordo con mio marito, abbiamo alcuni interessi in comune (lettura, cinema, viaggi) e altri no. A me piace ballare in gruppo, mio marito invece non ci vuole nemmeno provare, ma allo stesso tempo sostiene che una donna sposata non dovrebbe dedicarsi da sola a questo passatempo.

A me pesa rinunciarci, perché questa attività mi ha sempre dato gioia, benessere fisico e psicologico. Non ho fini disonesti, mio marito ha fatto anche amicizia con alcune coppie con cui ballavo in passato e riconosce che sono brave persone. Davvero faccio male ad andarci ancora, di tanto in tanto?

UNA LETTRICE

Cara amica, la coppia vive di comunanze, complicità e condivisioni, ma anche – grazie a Dio! – di differenze, fino a quando non diventano motivo di divisione, di divergenze di vedute. Mi sembra, da quanto racconti, che non abbiate posizioni lontane e che la domanda dovresti onestamente rivolgerla a lui. Se ti ama, come credo, non avrà di- coltà a risponderti di sì, perché la gioia dell’amata è la propria gioia.


28 settembre 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo