Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Il caso della settimana Aggiornamenti rss Associazione Don Giuseppe Zilli

Vedova, con tre figli, vive nella precarietà, e adesso la casa è all'asta

ROSSELLA, 37 anni, vedova con tre figli di 7, 9 e 15 anni. Il marito è deceduto per un brutto male nel 2018. Da quella data, la ditta presso cui l’uomo lavorava non ha ancora liquidato alla vedova il trattamento di fine rapporto, e non si sa quando e se arriverà. Rossella, con la sola pensione di reversibilità di 350 euro mensili, si è trovata in grosse difficoltà nel mantenere la famiglia e non è più stata in grado di pagare il mutuo per la casa, acquistata anni fa con enormi sacrifici. La precarietà quotidiana, la casa messa all’asta per la vendita senza possibilità di riscattarla, hanno compromesso anche la stabilità psico-fisica di madre e figli. Li presenta un Centro di Ascolto parrocchiale, chiedendo per essi un gesto di umana solidarietà


17 gennaio 2022

 
Pubblicità
Edicola San Paolo