Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 

Venerdì Santo: questo grande ignorato in Italia

Come mai il Venerdì Santo non è considerato giorno festivo nel nostro Paese? Che cosa starebbe a significare il lunedì in Albis rispetto al giorno d’inizio della Passione e Morte di nostro Signore, il preludio al mistero più grande della cristianità, ossia la Risurrezione? Ogni Paese europeo di matrice cristiana, gli Stati Uniti, l’America Latina, il Sudafrica e l’Australia hanno nel Good Friday un giorno di chiusura di uffici pubblici e privati, non solo delle scuole. Possibile che per il clero italiano questo non sia un problema o i Patti Lateranensi nascondono qualcosa che non sappiamo?

MARA IAPOCE - Modena

Non ci avevo mai pensato, cara Mara, ma hai proprio ragione: sono tanti i Paesi in cui sono presenti i cristiani che considerano il Venerdì Santo festivo anche civilmente. Tra l’altro, questo permetterebbe a più persone di partecipare alla celebrazione della Passione, prevista di per sé per le ore 15. Oggi, in Italia, il Venerdì Santo è un giorno lavorativo qualsiasi, dal punto di vista civile. Già il Concordato tra la Santa Sede e l’Italia del 1929 non prevedeva questo giorno come festivo. Neanche la revisione del 1984 e il conseguente decreto del 1985. Esiste anche una proposta di legge per ripristinare gli effetti civili di alcune festività religiose (san Giuseppe, santi Pietro e Paolo, Ascensione, Corpus Domini), ma non è incluso il Venerdì Santo.

In breve: condivido l’idea di renderlo festivo pure civilmente, anche per ricuperare l’unità del Triduo pasquale di morte, sepoltura e risurrezione e per rendere a tutti possibile partecipare alle tante tradizionali funzioni legate alla Passione di Cristo. Forse gli italiani preferiscono la Pasquetta? Ricordo che non è una festa religiosa, ma solo civile: dal punto di vista liturgico non è che il prolungamento della domenica di Pasqua, che peraltro dura tutta la settimana.


14 aprile 2017

 
Pubblicità
Edicola San Paolo