Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Visti da lontano

Un amico italiano chiama dalla sala stampa di una manifestazione sportiva internazionale e racconta questa scena. Ci perdonerà se gliela “rubiamo”. 

Sullo schermo del suo computer, aperto, c’è il sito di un quotidiano italiano online. Due notizie appaiate. Sopra: «Bayern, Hoeness   si dimette tra le lacrime. “Andrò in carcere”. Condannato a 3 anni e 6 mesi per frode fiscale». (Il presidente del Bayern Monaco, una delle più blasonate società di calcio in Germania, ha rinunciato a ricorrere in appello ndr.).

Subito sotto: « Toti: “Berlusconi in lista alle elezioni europee”. Il consigliere politico del Cav: “Rappresenta milioni di italiani, esclusione sarebbe un vulnus”».

Un collega svizzero, cui evidentemente non è sfuggito che Silvio Berlusconi è stato condannato con sentenza definitiva a quattro anni per frode fiscale, sbircia passando lo schermo e chiede: «Ah è così che funziona da voi?»

 Bella domanda, soprattutto alla vigilia del semestre di presidenza italiana in Europa.


14 marzo 2014

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo