Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 

Salva la mamma, tecnologia invadente

Conciliare la vita di famiglia con il lavoro e gli impegni del quotidiano? Ti aiuta “Save the mom” (salva la mamma), www.myselfitalia.it/savethemom, un'applicazione offerta da una nuova rivista da poco in edicola, che ti permette di pianificare gli impegni, condividerli con gli altri componenti del nucleo domestico e di tenerli aggiornati in tempo reale.

Oltre al calendario condiviso il servizio, lanciato lo scorso 8 marzo, mette a disposizione una lista della spesa interattiva e un servizio di geolocalizzazione dei familiari che rileva la loro posizione geografica. I figli possono fare un “check” (un controllo, una verifica) una volta rientrati a casa così da tranquillizzare i genitori sulla loro incolumità.

L’idea è simpatica, una sorta di “assistente familiare” elettronico che aiuta le mamme dalla vita fitta di impegni a tenere sotto controllo vari aspetti del menage familiare.

Potrebbe funzionare, ma è pur vero che nella corsa frenetica di tutti i giorni potrebbe venir meno il tempo e lo stimolo a tenere aggiornata un’agenda elettronica. Una recente ricerca del Censis ha rilevato che le donne con un impiego hanno quasi 7 ore in meno di tempo libero settimanale rispetto agli uomini a causa dei lavori domestici. «I miei figli mi credono arretrata perché ho pochi amici in Facebook – ci scrive Barbara di Brescia, 2 figli adolescenti - e lo aggiorno qualche volta la domenica, ma non si rendono conto che il vero problema è la mancanza di tempo».

La tecnologia che dovrebbe facilitarle la vita, in realtà si rivela una presenza invadente ed invasiva, che rischia di occupare anche i tempi sani della relazione personale in famiglia. «Ho visto il Family assistent – conclude Barbara - ma preferisco tenere in allenamento la mia memoria. Mi aiuta a essere più lucida. La vita sarà meno ottimizzata ma voglio difendere dall’invasione dell’elettronica l’area di imperfezione che mi permette di sbilanciare i tempi verso le relazioni a scapito dell’efficienza». Come biasimarla?


16 marzo 2012

 
Pubblicità
Edicola San Paolo