logo san paolo
martedì 09 agosto 2022
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
l'udienza

In piazza San Pietro, papa Francesco ripercorre i momenti principali del suo viaggio nei Paesi Baltici, che hanno vissuto «sotto il giogo delle occupazioni, quella nazista, prima, e quella sovietica, poi». E annuncia una lettera ai cattolici cinesi: «Auspico una nuova fase, che aiuti a sanare le ferite»

REPLICA ALLE CRITICHE

Sull'aereo che lo riportava in Italia dai Paesi Baltici, Francesco ha risposto alle domande dei giornalisti parlando per 55 minuti approfondendo alcune questioni legate al viaggio. Ma anche ritornato sul dramma degli abusi sessuali. E circa la firma dello storico documento con Pechino...

Il teologo risponde

Un lettore chiede se abbia senso far celebrare una Messa di suffragio per la mamma defunta. La risposta del teologo Pino Lorizio.

IL PAPA

Francesco conclude il suo viaggio nei Baltici a Tallin, un lungo e appassionato messaggio all'intera Europa. L'Estonia, Paese a maggioranza atea, si sente interpellata dalle parole di Bergoglio sull'ambiente e sui poveri. A tutti il Pontefice chiede di avere memoria del passato per lavorare insieme per un futuro in cui tutti abbiano cittadinanza. I discorsi di questi giorni hanno composto un lungo e appassionato messaggio all'intera Europa.

VIAGGIO NEI BALTICI

Sebbene sembrano tornare «mentalità che ci invitano a diffidare degli altri, che con statistiche ci vogliono dimostrare che staremmo meglio, avremmo più prosperità, ci sarebbe più sicurezza se fossimo soli", dice papa Francesco nel santuario di Aglona, in Lettonia, "Maria e i discepoli di queste terre ci invitano ad accogliere, a scommettere di nuovo sul fratello, sulla fraternità universale".

Cristiani eroici

Il discorso integrale di papa Francesco ai cattolici nella cattedrale di San Giacomo, in Lettonia

Il viaggio nei Baltici

Nell'incontro con i cristiani di altre confessioni, papa Francesco ricorda che «se la musica del Vangelo smette di suonare nelle nostre case, nelle nostre piazze, nei luoghi di lavoro, nella politica e nell’economia, avremo spento la melodia che ci provocava a lottare per la dignità di ogni uomo e donna di qualunque provenienza, rinchiudendoci nel “mio”, dimenticandoci del “nostro”: la casa comune che ci riguarda tutti»

Viaggio nei Baltici

La lezione del passato, dice il presidente della Lettonia è che le oppressioni e le violenze sono generate dai contrasti e dalle spaccature. "Avete pagato a caro prezzo la libertà", risponde Jorge Mario Bergoglio che auspica dialogo e inclusione contro quanto minaccia il tessuto sociale del Vecchio Continente.

Nella cattedrale di Kaunas, Francesco incontra il clero: «Non siamo funzionari di Dio! Lo spirito della secolarizzazione, della noia per tutto quello che tocca la comunità è la tentazione della seconda generazione. I nostri padri hanno lottato, hanno sofferto, sono stati carcerati e forse noi non abbiamo la forza di andare avanti»

san giovanni rotondo

Il cardinale Bassetti, presidente dei vescovi italiani, celebra la Messa nel giorno della festa del Santo: «Risplende come un faro nel cielo di Dio, un Vangelo vivente che continua a proteggerci, ci illumina e ci trascina col suo esempio a compiere quelle opere di misericordia che sono la sostanza del Vangelo». Prima della celebrazione, l’incontro con il premier Conte

il viaggio in lituania

Parlando dei rischi futuri e ricordando l'olocausto, il Papa a Kaunas ricorda «quante volte è accaduto che un popolo si creda superiore, con più diritti acquisiti, con maggiori privilegi da preservare o conquistare».

il viaggio in lituania

Papa Francesco celebra la Messa a Kaunas e spiega che la sofferenza delle deportazioni e delle persecuzioni devono insegnare che l'unico antidoto alle lotte di potere che generano sopraffazione e violenza è mettere al centro i più poveri e dimenticati

Padre Pio era a letto bloccato da una grave forma di pleurite. Quando arrivò la statua della “Pellegrina” a San Giovanni...

la veglia

A San Giovanni Rotondo migliaia di pellegrini, non solo dall’Italia, hanno partecipato alle celebrazioni in memoria della morte del Frate. In prima fila, anche il premier Conte che poco prima era intervenuto sulla vicenda Casalino: «Confermo la mia fiducia nei suoi confronti, c’è stata una violazione della sua privacy»

A un giovane confratello, che non riusciva a comprendere il senso dell’incessante ripetere di preghiere in formule sempre...

oggi la festa

Francesco Forgione entra in convento a sedici anni e diventa sacerdote dopo sette. Nel 1916 arriva a San Giovanni Rotondo, sul Gargano, da dove non si sposterà più fino alla morte attirando folle di pellegrini e fedeli da ogni parte d’Italia e del mondo. Il 20 settembre 1918 riceve le stimmate della Passione di Cristo che resteranno aperte, dolorose e sanguinanti per cinquant’anni

in lituania

Francesco incontra i giovani a Vilnius: «Per favore non siate giovani del labirinto dal quale è difficile uscire, ma giovani del cammino. Non abbiate paura di decidervi per Gesù, di abbracciare la sua causa, quella del Vangelo, degli esseri umani»

a Vilnius

Francesco nella capitale lituana visita la Porta dell'Aurora, dove si trova la cappellina della Vergine della Misericordia, e chiede di costruire ponti e non muri, di sperimentare il valore della fraternità

svolta storica

La Santa Sede e il governo di Pechino annunciano in un comunicato congiunto la firma, presentandola come «frutto di un graduale e reciproco avvicinamento dopo un lungo percorso di ponderata trattativa». Le nomine episcopali d’ora in poi avverranno con l’avallo del Pontefice cui spetta l’ultima parola e la lettera ufficiale di nomina

vilnius

Appena atterrato nella capitale della Lituania, Bergoglio e la presidente Grybauskaité ricordano le vittime dei lager e del Kgb e la resistenza lituana che ha tratto dalla fede la forza per opporsi alla repressione: «Avete vissuto sulla vostra pelle i tentativi di imporre un modello unico che annullasse il diverso»

Pubblicità
 
Multimedia
Edicola San Paolo