Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 luglio 2024
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
IL COMMENTO

Voci e storie tra il milione e mezzo di persone che hanno partecipato alla concelebrazione eucaristica presieduta a Kinshasa da Jorge Mario Bergoglio. La riflessione di monsignor Jean Christophore Amade, padre bianco dei Missionari d'Africa e vescovo di Kalemie-Kirungu

congo

Le vittime di stupri, di traumi indicibili, che hanno visto massacrate le famiglie sotto i propri occhi lasciano sotto la croce machete, coltelli, divise dei loro abusatori. E si impegnano solennemente alla riconciliazione. Il toccante incontro del Papa con chi ha subito e subisce crocifissioni quotidiane per l'avidità di chi vuole arricchirsi con soldi sporchi di sangue

Congo

Papa Franceco celebra messa all'aeroporto di Ndolo e chiede ai cristiani di farsi portatori di pace attingendo alle sorgenti...

viaggio apostolico

Nel suo primo discorso del viaggio che lo ha portato a Kinshasa papa Francesco condanna il colonialismo economico e dice che la violenza su questo Paese è come un pugno nello stomaco che toglie il respiro. Depredato e sfruttato può però risorgere e riconciliarsi. Partendo dai diamanti più preziosi di questo Paese che sono le persone.

Il ricordo

La Fondazione Ratzinger ricorda, a un mese dalla morte, il Papa emerito con una messa nelle grotte vaticane

L'APPELLO

Papa Francesco al termine dell'Angelus ha rivolto un appello ai due Governi perché cerchino con serietà una strada che conduca alla ricerca della pace

LOURDES

Circa trecento giornalisti  da venticinque per le Giornate internazionali di San Francesco di Sales. Tanti i temi sul tavolo: dal come raccontare le divisioni nella Chiesa agli evangelizzatori sui social media.

la storia

Il grande campione brasiliano, morto il 29 dicembre scorso a 82 anni, lo rivelò il 12 ottobre 2017 in occasione dei trecento anni del ritrovamento dell’effigie mariana amatissima da tutti i brasiliani. «Solo la fede in Dio e nella Madonna», rivelò, «mi ha sostenuto nelle prove più dure». In tanti durante la sua lunga malattia hanno recitato il Rosario per lui o lasciato una sua foto ai piedi della Vergine

Unità dei cristiani

Francesco, nel chiudere la Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani ricorda che non basta costruire templi o dirsi cristiano se intanto si distrugge l'uomo che è tempio di Dio. E dice no a ogni forma di nazionalismo chiuso e violento

il papa

Francesco all’Associated Press: «I vescovi che sostengono leggi che discriminano la comunità gay commettono peccato. Criticarmi non è sbagliato, significa che c’è diritto di parola. L'unica cosa che chiedo è che me le dicano in faccia, perché è così che cresciamo tutti». Con Benedetto «ho perso un padre e una sicurezza»

Cei

Il Consiglio permanente della Cei chiede più attenzione al bene comune e un maggior impegno sui temi come la scuola, la sanità, le domande di senso. Per essere una Chiesa sempre più fedele al Vangelo

udienza generale

Francesco spiega, nella consueta catechesi del mercoledì, che Gesù è venuto a liberare gli oppressi, a mostrarci l'amore di DIo che sempre ci perdona e ci sta vicino

Vaticano

Papa Francesco, nel messaggio per la Giornata delle comunicazioni sociali, ripete che si comunica ciò che si è, con verità e carità. Senza fomentare odio e rabbia e senza seguire tecniche che la riducono ad artificio

l'iniziativa

Inaugurati i locali che don Antonio Coluccia aveva sottratto allo spaccio. Con lui il sindaco di Roma e la ex sindaca, i ministri di Interno e Sport, il capo della polizia e tanti cittadini che sperano in futuro migliore per San Basilio

il papa

Francesco all’Angelus: «Prima o poi arriva il momento in cui è necessario lasciare per seguirlo. E lì si deve decidere: lascio alcune certezze e parto per una nuova avventura, oppure rimango dove sono?». E invita a pregare per l’Ucraina: «Il Signore conforti e sostenga quel popolo che soffre tanto, soffre tanto»

il papa

Francesco ai partecipanti al Corso internazionale di formazione per responsabili diocesani delle celebrazioni liturgiche: «A volte io sento qualcuno: “Sì, sono andato a Messa in quella parrocchia… sì, una buona lezione di filosofia, 40, 45 minuti… Otto, dieci: non di più! E sempre un pensiero, un affetto e un’immagine. La gente si porti qualcosa a casa»

il papa

Francesco a San Pietro celebra la Messa nella Domenica della Parola, conferisce il ministero di accolitato e catechista a dieci laici e lancia un appello a superare le divisioni: «Tutti siamo sotto l'autorità della Parola di Dio. Non sotto i nostri gusti, tendenze e preferenze, ma sotto l'unica Parola di Dio che ci plasma, ci converte e ci chiede di essere uniti nell'unica Chiesa di Cristo». E avverte: «Non ci succeda di predicare la salvezza per tutti e rendere impraticabile la strada per accoglierla»

il papa

Francesco dialoga con lo psicologo Salvo Noé per il libro La paura come dono (San Paolo), in uscita il 25 gennaio: «Il seminario non è un rifugio per tante limitazioni che possiamo avere, né un rifugio di mancanze psicologiche. Bisogna accorgersi prima dell’ordinazione sacerdotale se ci sono inclinazioni all’abuso». Sulle persone omosessuali: «Dio è Padre e non rinnega nessuno dei suoi figli»

la guerra in ucraina

Il “ministro degli esteri” vaticano mons. Richard Gallagher: «Il Pontefice tiene sempre presente questo invito ma vorrebbe compiere questa visita al momento opportuno e non sembra che sia questo. In questo frangente le ambizioni delle parti in guerra non sono per una iniziativa di pace»

immigrazione

La presa di posizione di monsignor Gian Carlo Perego davanti alle Commissioni riunite Trasporti e Affari costituzionali che stanno esaminando il provvedimento: «Se si fosse voluto combattere il traffico degli esseri umani si sarebbe dovuta portare l'attenzione sul rinnovo del memorandum con la Libia piuttosto che sull'azione delle Ong, come hanno documentato tutti i rapporti Unhcr degli ultimi anni»

Pubblicità
 
Multimedia
Edicola San Paolo