logo san paolo
mercoledì 19 gennaio 2022
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
giovedì santo

Nel 1958 il Giovedì Santo cadde il 3 aprile. Don Primo Mazzolari, un precursore del Vaticano II, nella sua parrocchia, a Bozzolo (in provincia di Mantova, ma in diocesi di Cremona) pronunciò un'omelia originale e commovente, che divenne presto famosa. Ecco il testo integrale. 

Giovedì Santo

Il gesto che compie Gesù nei confronti dei discepoli durante l'Ultima Cena, prima di essere condannato a morte, è raccontato dal Vangelo di Giovanni ed era una caratteristica dell’ospitalità nel mondo antico...

musica

Dallo Stabat Mater di Vivaldi a Le ultime sette parole del nostro Redentore sulla Croce di Haydn. Da Giovedì a Sabato Santo, ogni giorno, un concerto della Filarmonica Toscanini in diretta streaming (visibili per un mese) per riflettere sulla Pasqua con nove testimoni in prima linea nella lotta alla pandemia

scheda

È l’unico giorno dell’anno liturgico in cui non si celebra l’Eucarestia e si commemora la Passione e Morte di Gesù seguita dalla Via Crucis. Le campane tacciono in segno di lutto

STORIA E FEDE

Nella parrocchia della Natività di san Giovanni Battista, in centro, cui fa riferimento la comunità greco-ortodossa (circa 700 persone, in tutto) il grazie al Signore per l'uscita di Atene dall'Impero ottomano e il suo ritorno in Europa, un processo cominciato nel 1821, due secoli fa, con la partecipazione di patrioti piemontesi come il Santorre di Santarosa, che morì combattendo a Sfacteria, nel Peloponneso

UDIENZA GENERALE

Alla vigilia del Triduo pasquale, papa Francesco ripercorre i riti della Settimana Santa. I crocifissi di oggi sono le vittime di guerre, di dittature, delle violenze quotidiane, degli aborti, dell’industria della droga

VENERDì SANTO

Non mancano libri che mettono in dubbio la storicità della crocifissione e della morte di Gesù Cristo. O che le banalizzano. Ma la veridicità del racconto è certa. A capire il vero spirito di questi giorni ci aiuta anche un cantautore che si dichiarava non credente: Fabrizio De Andrè. La riflessione del teologo don Pino Lorizio, della Pontificia Università Lateranense

IL DOCUMENTO

Scappare per non morire. Il Vaticano pubblica un opuscolo per sensibilizzare la Chiesa sulle persone costrette a emigrare, nel mondo, perché l’ambiente che vivono non è più abitabile. E Jorge Mario Bergoglio attinge a uno dei versi più famosi di William Shakespeare. Bisogna prendere coscienza dell'indifferenza della società e dei Governi di fronte a questa tragedia

Economia e lavoro

I vescovi italiani in vista della festa del Primo maggio: «La pandemia ha messo a nudo i limiti del nostro modello. Si sono aggravate le diseguaglianze e create nuove povertà. Il "vaccino sociale" è rappresentato dalla rete di legami di solidarietà, dalla forza delle iniziative della società civile e degli enti intermedi che realizzano nel concreto il principio di sussidiarietà»

il dramma lavoro

Monsignor Domenico Battaglia ha celebrato nel teatro dello stabilimento: «La Chiesa vi è vicina e guarda a nuove strade percorribili da proporre, insieme cerchiamo il bene comune per ritrovare l’anima di questa città. Chiedo alle Istituzioni e al Governo, in particolare, come si possono lasciare 340 famiglie senza lavoro, reddito e speranza. E a questi vanno aggiunti i 650 dell'indotto»

santi

Fondò la Congregazione di San Giuseppe per aiutare i ragazzi poveri e nel 1871 l'Unione operai cattolici. È uno dei grandi Santi sociali del Piemonte

STORIA E FEDE

Era il 28 marzo 1171, Pasqua: allo spezzar del pane, l'ostia consacrata divenne carne e ne uscì un forte fiotto di sangue che macchiò la piccola e bassa volta sovrastante l'altare. Lo speciale Anno Santo fino al 28 marzo 2022.

riflessione

La riflessione del domenicano padre Giovanni Calcara del convento di Soriano Calabro (Vibo Valentia): «La decisione di Francesco dovrebbe essere l’inizio di una riforma strutturale che partendo da Roma arrivi alle più piccole diocesi e parrocchie, come a tutte le realtà ecclesiali, nello spirito del Vangelo»

LOTTA AL COVID

L'iniziativa annunciata alla vigilia della Settimana Santa. Affinché nessuno sia escluso dalla campagna vaccinale, come chiesto più volte dal Papa, si è deciso questo gesto concreto di vicinanza alle persone «tra le più emarginate, che sono per la loro condizione le più esposte al virus»

COVID 19

Un anno fa, papa Francesco attraversò lento una Piazza San Pietro deserta. Solo. Come tutto il mondo - angosciato e smarrito - che lo guardava chiuso a casa, in lockdown. Ripresentiamo parole e gesti di quella sera in uno speciale video di Famiglia Cristiana, con i commenti, tra gli altri, di Paolo Ruffini, Prefetto del Dicastero per la comunicazione della Santa Sede, del condirettore Luciano Regolo e del sacerdote paolino don Roberto Ponti

verso la pasqua

Con questa festa si ricorda l'ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme accolto dalla folla che lo acclama come re agitando fronde e rami presi dai campi. Una tradizione legata alla ricorrenza ebraica di Sukkot durante la quale i fedeli salivano in pellegrinaggio al tempio di Gerusalemme portando un mazzetto intrecciato di palme, mirto e salice

UN ANNO DI COVID

Superiore e superiori di 45 Congregazioni religiose, dedite alla cura sanitaria e all’assistenza dei più fragili (anziani, soprattutto), in un documento rinnovano il loro impegno contro la pandemia. Tra gli altri, l'hanno sottoscritto Camilliane e CamillianI, i Fatebenefratelli, i religiosi dell'Opera don Guanella, suore e sacerdoti del Cottolengo, Francescani, Agostiniani e Cistercensi

carcere

I reclusi di Paliano regalano al Pontefice il cero pasquale artistico da mettere nella cappella di Santa Marta. Un modo perché arda la fiamma dell'amore per chi ha sbagliato

LAMEZIA TERME

Sabato 27 marzo don Fabio Stanizzio, per la Caritfas diocesana, e Nicolino Panedigrano, in rappresentanza dell'associazione "Ambulatorio solidale prima gli ultimi", firmano un accordo nell'episcopio, presente il vescovo, monsignor  Giuseppe Schillaci

Colloqui col Padre

«È una pessima moda che sta prendendo piede sulla scia e l’esempio di tante dive e di tante protagoniste del mondo del gossip...» Leggi la risposta di don Antonio Rizzolo, direttore di Famiglia Cristiana

Pubblicità
 
Multimedia
Edicola San Paolo