Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
SAN GIOVANNI XXIII

Nell'omelia della Messa celebrata per il Papa Buono, patrono dell'Esercito, l'Ordinario militare monsignor Santo Marcianò ha riletto alla luce del Vangelo e del Magistero i più scottanti temi di cronaca, dalla pandemia alla crisi economica. Alla guerra. «Non vi è giustizia se non si assicurano alla persona i beni primari, dice la dottrina sociale della Chiesa; ma "tale dottrina, spiega Giovanni XXIII additando un “di più”, abbraccia l’uomo integrale, composto di anima e di corpo, e a noi, che abitiamo su questa terra, comanda di tendere come pellegrini alla patria celeste»

intervista

Lo scrittore e teologo don Luigi Guglielmoni ha approfondito le due figure in un libro: «Li accomuna l’attenzione alle periferie della storia, la sensibilizzazione al fenomeno migratorio, il ripensamento del modello di economia e di sviluppo e il senso di responsabilità verso le nuove generazioni e verso il futuro»

LE NOSTRE INIZIATIVE

Nel numero in edicola da giovedì 6 settembre, 16 pagine dedicate alla "Pentecoste" che rivoluzionò la Chiesa, a 60 anni esatti dalla sua apertura, avvenuta l'11 ottobre 1962. All'evento è dedicato anche un'ampia parte dei Colloqui col padre, la rubrica curata dal direttore, don Stefano Stimamiglio. I ricordi dell'ultimo  padre conciliare italiano vivente, monsignor Luigi Bettazzi, l'analisi dello storico Andre Riccardi, eredità e prospettive nella riflessione del cardinale Marcello Semeraro, prefetto del Dicastero delle cause dei santi, accanto a papa Francesco nel cammino di riforma.

Il papa

Francesco riceve in udienza i partecipanti al convegno “La santità oggi”: «I mezzi di comunicazione possono favorire la conoscenza del vissuto evangelico di un candidato canonizzazione. Tuttavia, nell'uso di media digitali e reti sociali, ci può essere il rischio di forzature e mistificazioni dettate da interessi poco nobili». E ricorda: «Per la santità è fondamentale il senso dell’umorismo»

L'ANTEPRIMA

Il 4 ottobre, festa di san Francesco, è stato presentato a Milano il nuovo film di Gianfranco Rosi (che s'è lasciato sfuggire il titolo del suo prossimo lavoro: "Sopra le nuvole").  Presenti in sala, tra i vari ospiti, anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e rappresentanti delle varie confessioni religiose, fra i quali un giovane imam che con voce rotta dall’emozione ha ringraziato il regista: «perché io da musulmano trovo questo film commovente e papa Francesco una persona da prendere come esempio per l’amore e il rispetto per gli altri che mette in ogni suo gesto».

IL CONVEGNO

L’annuncio del cardinale Marcello Semeraro durante il simposio "La santità oggi" all’Augustinianum: «Dopo l’iniziativa voluta da Giovanni Paolo II nel 2000, Francesco ha detto di ricostituire, in modo stabile, questa realtà che sarà collegata all’attività del Dicastero delle cause dei santi. Bisogna ricoprire la vocazione universale alla santità che è una perla del Concilio Vaticano II»

L'UDIENZA

Il Papa ha dedicato la riflessione del mercoledì alla conoscenza di se stessi, elemento essenziale per «un buon discernimento». «Via il pilota automatico», ha aggiunto Francesco: «Viviamo consapevolmente». Al termine, l'ennesimo, accorato appello per la «martoriata» Ucraina: «Confidiamo nella misericordia di Dio, che può cambiare i cuori, e nella materna intercessione della Regina della Pace».

SCOUT

Il convegno Emmaus A/R, andata e ritorno, segna una svolta nella trasmissione della fede. Obiettivo, riconoscere la presenza di Dio nella quotidianità, Ai lavori, svoltisi a Loreto dal 29 settembre al 2 ottobre, hanno preso parte circa mille tra animatori ed assistenti ecclesiastici. 

san francesco d'assisi

I sei pellegrinaggi nel cuore dell'Umbria: il primo, il 4 ottobre 2013, qualche mese dopo la sua elezione; l'ultimo, il 22 settembre 2022. Le citazioni, tante: dal discorso d'inizio mandato alla terza enciclica, la "Fratres omnes", del 3 ottobre 2020 (firmata proprio sulla tomba del patrono d'Italia, nella Basilica inferiore). Lo stretto legame tra l'attuale Pontefice e il santo da cui ha preso spunto per cercare di innovare Chiesa e mondo

San Francesco d'Assisi

«San Francesco – in un mondo che era e che è segnato da lupi e violenti, da torri e spade, inquinato da troppo odio tanto da rendere impossibile parlare di pace – progetta un mondo fraterno. Abbiamo bisogno di speranza e il nostro patrono ci fa sentire a casa». L'omelia del Cardinale Zuppi, presidente della CEI, per la festa di San Francesco ad Assisi

L'analisi

L'Angelus di domenica 2 ottobre è l'ultimo, accorato richiamo di un Pontefice. L’8 febbraio 1948, Pio XII definì l'arma nucleare «la più terribile che la mente umana abbia, fino ad oggi, ideata». Le parole di Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco. Nel 2017 la Campagna Internazionale per l’abolizione delle armi nucleari (Ican) vinse il Premio Nobel per la pace; quello stesso anno venne redatto un Trattato internazionale per la messa al bando delle micidiali testate: Bergoglio intervenne in un convegno promosso in Vaticano. E poi, nel 2019, andò a Hiroshima e Nagasaki...

L'EVENTO

Ad Alessano la tavola rotonda su pace e disarmo organizzata per i 90 anni di Famiglia Cristiana. Il direttore don Stefano Stimamiglio: «In questo momento drammatico della storia, in cui l’uso delle armi sta sfiorando il punto di non ritorno, risuona ancor più profetico l’appello di don Tonino a scommettere su Gesù che è la nostra pace». Da Kiev la testimonianza di don Renato Sacco di Pax Christi

diocesi di san zeno

E' stata un'omelia all'insegna dell'apertura all'altro quella che ha pronunciato monsignor Pompili durante la messa solenne in cattedrale. La giornata dell'insediamento è cominciata con la visita al Santuario della Madonna della Corona

l'approfondimento

Dal 3 al 6 ottobre, a Roma, un Convegno promosso dal Dicastero delle cause dei santi, guidato dal cardinale Marcello Semeraro. Che ricorda il fine ultimo della santità individuata, accertata e proclamata dalla Chiesa: «Richiamare i battezzati a vivere in fedeltà al Vangelo la loro vita di ogni giorno, individuando figure esemplari, che superano il vissuto ordinario». Il programma e i relatori

l'intervento

A margine del Festival della Missione a Milano il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei, ha indicato la strada per affrontare il momento storico angosciante e per una nuova evangelizzazione

festival della missione

Al via il primo Festival della Missione a Milano, dal 29 settembre al 2 ottobre. Per l’occasione il Pontefice ha inviato un...

le nomine

Il Papa ha nominato l'ex Superiore della Società San Paolo e vescovo di Campo Limpo (Brasile) e l'ex portavoce della Cei, ora pastore di Perugia. “Parlare con il cuore. Veritatem facientes in caritate” è il tema della Giornata delle Comunicazioni sociali del 2023

L'annuncio

Visiterà Manama e Awali, sede della cattedrale di Nostra signora d’Arabia, per il Forum sul dialogo tra oriente e occidente. Sarà il primo Pontefice a recarsi nel Paese del Golfo Persico

L'evento

Sabato 1° ottobre ad Alessano (Lecce) una serata di dibattito e riflessione per i 90 anni di Famiglia Cristiana nel segno di don Tonino Bello. Dopo l’introduzione del direttore don Stefano Stimamiglio, gli interventi dei relatori e la video testimonianza di monsignor Luigi Bettazzi. Le conclusioni affidate al vescovo di Ugento – Santa Maria di Leuca Vito Angiuli

il papa

Francesco all’udienza generale cita l’esempio di un sacerdote che «non aveva bisogno di dire bla bla bla, no: “ciao, ti sono vicino e tu mi sei vicino”. Questo è il rapporto che dobbiamo avere nella preghiera: vicinanza, vicinanza affettiva». E prega per l’Ucraina: «Il cardinale Krajewsky mi ha raccontato cose terribili»

Pubblicità
 
Multimedia
Tutti Video Foto
Edicola San Paolo