Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 luglio 2024
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
la lettera alla trans

Nuovo segno del Vangelo vissuto senza barriere da Francesco che aveva incontrato la barese Alessia Nobile e altre cinque transgender straniere lo scorso 22 giugno, dopo due sucidi per vessazioni e pregiudizi violenti. Il documento pubblicato dal settimanale Oggi e la riflessione del cardinale Semeraro.

il papa

Francesco ai partecipanti al Capitolo generale dei Redentoristi: «Il rischio è di cadere nella sclerocardia. Non dobbiamo mettere ostacoli all’azione rinnovatrice dello Spirito, prima di tutto nei nostri cuori e nei nostri stili di vita. Solo così diventiamo missionari di speranza»

il papa

Francesco ai ragazzi arrivati in pellegrinaggio in Belgio: «Non bisogna avere paura delle crisi, perché le crisi ci fanno crescere. Ti mettono di fonte a diverse situazioni e tu devi andare avanti e risolvere dei problemi. Non confondere crisi con conflitto: il conflitto ti chiude, la crisi ti fa crescere»

esclusivo

«Senza azioni concrete da parte di tutti rischiamo di precipitare in una spirale senza ritorno», dice il Segretario di Stato della Santa Sede. «Non c'è pace senza giustizia, non c'è giustizia senza perdono, come già ricordava San Giovanni Paolo II». Il testo integrale nel numero di edicola e in parrocchia da giovedì 13 ottobre 

L'UDIENZA

«Molti soffrono perché non sanno che cosa vogliono dalla propria vita», ha detto il Papa: «probabilmente non hanno mai preso contatto con i loro desideri profondi». Bergoglio ha di nuovo invitato a pregare per la pace: «Il mio cuore è sempre rivolto al popolo ucraino, specialmente agli abitanti delle località sulle quali si sono accaniti i bombardamenti»

dossier

Il libro "Non è solo fatica, è amore" di don Dario Viganò e Valerio Cassetta  ha una prefazione di Papa Francesco che contiene la summa del suo pensiero sullo sport. Ecco che cosa ha scritto

oggi la festa

Nato a Londra nel 1991, è vissuto a Milano dove frequentava il Leone XIII dei Gesuiti. Un prodigio, precoce, della comunicazione e del linguaggio informatico che utilizzò per diffondere il Vangelo e il culto dell’Eucarestia alla quale dedicava lunghe ore di adorazione. Colpito da leucemia fulminante, è morto il 12 ottobre 2006 al San Gerardo di Monza. L’anno scorso la beatificazione ad Assisi, dove riposano le sue spoglie mortali

concilio

Francesco presiede la celebrazione eucaristica nel sessantesimo anniversario dell'inizio del Vaticano II: «Quell’evento ci ricorda che la Chiesa, a immagine della Trinità, è comunione. Il diavolo, invece, vuole seminare la zizzania della divisione. Non cediamo alle sue lusinghe e alla tentazione della polarizzazione. Una Chiesa innamorata di Gesù non ha tempo per scontri, per veleni e polemiche». Riesumata, ed esposta ai fedeli, la salma di San Giovanni XXIII

il papa

Francesco ai partecipanti all'incontro sui rifugiati promosso dalla Pontificia Università Gregoriana: «La storia ci insegna che il contributo dei migranti e dei rifugiati è stato fondamentale per la crescita sociale ed economica delle nostre società. E lo è anche oggi»

l'evento

Ucraina, ma non solo. Sale da tante parti del mondo la richiesta accorata di far tacere le armi. Ed è dall’ascolto di questa voce e dall’esigenza di rispondervi che è nato l’Incontro di dialogo e preghiera per la pace tra le religioni mondiali che si tiene a Roma 

SAN GIOVANNI XXIII

Nell'omelia della Messa celebrata per il Papa Buono, patrono dell'Esercito, l'Ordinario militare monsignor Santo Marcianò ha riletto alla luce del Vangelo e del Magistero i più scottanti temi di cronaca, dalla pandemia alla crisi economica. Alla guerra. «Non vi è giustizia se non si assicurano alla persona i beni primari, dice la dottrina sociale della Chiesa; ma "tale dottrina, spiega Giovanni XXIII additando un “di più”, abbraccia l’uomo integrale, composto di anima e di corpo, e a noi, che abitiamo su questa terra, comanda di tendere come pellegrini alla patria celeste»

intervista

Lo scrittore e teologo don Luigi Guglielmoni ha approfondito le due figure in un libro: «Li accomuna l’attenzione alle periferie della storia, la sensibilizzazione al fenomeno migratorio, il ripensamento del modello di economia e di sviluppo e il senso di responsabilità verso le nuove generazioni e verso il futuro»

LE NOSTRE INIZIATIVE

Nel numero in edicola da giovedì 6 settembre, 16 pagine dedicate alla "Pentecoste" che rivoluzionò la Chiesa, a 60 anni esatti dalla sua apertura, avvenuta l'11 ottobre 1962. All'evento è dedicato anche un'ampia parte dei Colloqui col padre, la rubrica curata dal direttore, don Stefano Stimamiglio. I ricordi dell'ultimo  padre conciliare italiano vivente, monsignor Luigi Bettazzi, l'analisi dello storico Andre Riccardi, eredità e prospettive nella riflessione del cardinale Marcello Semeraro, prefetto del Dicastero delle cause dei santi, accanto a papa Francesco nel cammino di riforma.

Il papa

Francesco riceve in udienza i partecipanti al convegno “La santità oggi”: «I mezzi di comunicazione possono favorire la conoscenza del vissuto evangelico di un candidato canonizzazione. Tuttavia, nell'uso di media digitali e reti sociali, ci può essere il rischio di forzature e mistificazioni dettate da interessi poco nobili». E ricorda: «Per la santità è fondamentale il senso dell’umorismo»

L'ANTEPRIMA

Il 4 ottobre, festa di san Francesco, è stato presentato a Milano il nuovo film di Gianfranco Rosi (che s'è lasciato sfuggire il titolo del suo prossimo lavoro: "Sopra le nuvole").  Presenti in sala, tra i vari ospiti, anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, e rappresentanti delle varie confessioni religiose, fra i quali un giovane imam che con voce rotta dall’emozione ha ringraziato il regista: «perché io da musulmano trovo questo film commovente e papa Francesco una persona da prendere come esempio per l’amore e il rispetto per gli altri che mette in ogni suo gesto».

IL CONVEGNO

L’annuncio del cardinale Marcello Semeraro durante il simposio "La santità oggi" all’Augustinianum: «Dopo l’iniziativa voluta da Giovanni Paolo II nel 2000, Francesco ha detto di ricostituire, in modo stabile, questa realtà che sarà collegata all’attività del Dicastero delle cause dei santi. Bisogna ricoprire la vocazione universale alla santità che è una perla del Concilio Vaticano II»

L'UDIENZA

Il Papa ha dedicato la riflessione del mercoledì alla conoscenza di se stessi, elemento essenziale per «un buon discernimento». «Via il pilota automatico», ha aggiunto Francesco: «Viviamo consapevolmente». Al termine, l'ennesimo, accorato appello per la «martoriata» Ucraina: «Confidiamo nella misericordia di Dio, che può cambiare i cuori, e nella materna intercessione della Regina della Pace».

SCOUT

Il convegno Emmaus A/R, andata e ritorno, segna una svolta nella trasmissione della fede. Obiettivo, riconoscere la presenza di Dio nella quotidianità, Ai lavori, svoltisi a Loreto dal 29 settembre al 2 ottobre, hanno preso parte circa mille tra animatori ed assistenti ecclesiastici. 

san francesco d'assisi

I sei pellegrinaggi nel cuore dell'Umbria: il primo, il 4 ottobre 2013, qualche mese dopo la sua elezione; l'ultimo, il 22 settembre 2022. Le citazioni, tante: dal discorso d'inizio mandato alla terza enciclica, la "Fratres omnes", del 3 ottobre 2020 (firmata proprio sulla tomba del patrono d'Italia, nella Basilica inferiore). Lo stretto legame tra l'attuale Pontefice e il santo da cui ha preso spunto per cercare di innovare Chiesa e mondo

San Francesco d'Assisi

«San Francesco – in un mondo che era e che è segnato da lupi e violenti, da torri e spade, inquinato da troppo odio tanto da rendere impossibile parlare di pace – progetta un mondo fraterno. Abbiamo bisogno di speranza e il nostro patrono ci fa sentire a casa». L'omelia del Cardinale Zuppi, presidente della CEI, per la festa di San Francesco ad Assisi

Pubblicità
 
Multimedia
Edicola San Paolo