logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
Coronavirus

Papa Francesco istituisce un Fondo mondiale, attraverso le Pontificie opere missionarie, per venire incontro a quelle comunità che stanno soffrendo per il diffondersi del Coronavirus. Stanziati, per comincniare, 750 mila dollari americani.

Santa Marta

«Se oggi ignoriamo i poveri anche il SIgnoe ci ignorerà nel giorno del giudizio. Aiutare i poveri è il centro del Vangelo». Papa Francesco dedica la messa di Santa Marta ai carcerati, lanciando l'allarme sul fatto che il sovraffollamento, in tempo di pandemia, può trasformarsi in tragedia, e sui poveri che si moltiplicano nell'indifferenza generale.

DIARIO DELLA SPERANZA/7

«La paura ed il timore di questi giorni non devono essere un alibi per continuare a tenere la mente chiusa ed impenetrabileAl più presto», dice don Antonio  Ruccia: «Alla scuola dei don Tonino Bello, Chiara Luce Badano e Carlo Acutis ripartiremo e accenderemo di vita quanto oggi è solo un crepuscolo di morte». Settima tappa del nostro cammino verso la Pasqua

il gesto

Mons. Francesco Oliva, nel rispetto di tutte le regole anti contagio, ha scelto di iniziare la Settimana Santa tra i detenuti: «La vostra sofferenza è ancora maggiore, perché dentro queste mura è più pesante il timore dell’epidemia non solo per voi, ma anche per i vostri cari»

il Papa

Francesco all'Angelus delle Palme ricorda che a causa della pandemia «il passaggio della Croce dai giovani di Panamá a quelli di Lisbona è rinviato alla domenica di Cristo Re, il 22 novembre prossimo». E invita le famiglie a pregare in casa insieme nella Settimana Santa

Domenica delle Palme

Nella Basilica di San Pietro vuota, Francesco celebra la Domenica delle Palme e invita tutti, «nel senso di abbandono che ci stringe il cuore», a guardare a Gesù che ci sostiene: «Il dramma che stiamo attraversando ci spinge a riscoprire che la vita non serve se non si serve. Perché la vita si misura sull’amore»

DIARIO DELLA SPERANZA/6

La riflessione di don Fabio Corazzina sul nostro essere comunità, anche in quest'epoca tragica. Senza avere paura, perché liberi; senza solitudini, perché fratelli. Sesta tappa del nostro cammino verso la Pasqua

TORINO

Lo ha annunciato l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia: «Ho accolto volentieri  molte richieste. Via Tv e grazie ai social, dalle 17 dell'11 aprile possiamo pregare davanti al Sacro Telo che ci ricorda Passione e Morte di Gesù. L'amore di Dio è più forte del dolore e della malattia». Il precedente della peste a Milano e il voto di san Carlo Borromeo

curiosità

Quest’anno non ci sarà la distribuzione dei rami d’ulivo benedetti nelle chiese. Ma si possono creare ugualmente in famiglia ritagliandoli con la carta come mostra un tutorial pubblicato su Facebook dalla parrocchia San Tommaso Moro di Roma. E la Cei propone la preghiera di benedizione

Il Papa

Francesco a Santa Marta: «Preghiamo perché il Signore ci dia a tutti una coscienza retta, una coscienza trasparente, che possa farsi vedere da Dio senza vergognarsi. In questa situazione di difficoltà tante volte alla gente viene la possibilità di fare cose non buone»

DIARIO DELLA SPERANZA/5

La riflessione di don Davide Banzato della comunità Nuovi Orizzonti: «Questa “tempesta” e queste “fitte tenebre” ci stanno riportando all’essenziale. Personalmente non credo che andrà tutto bene. Credo piuttosto che “tutto può concorrere al bene” e che questo possa avvenire ad una sola condizione: “se amiamo Dio”». Quinta tappa del nostro cammino verso la Pasqua.

il messaggio

Il videomessaggio di Francesco per incoraggiare il Paese: «Fate un gesto di tenerezza verso chi soffre, verso i bambini, verso gli anziani. Dite loro che il Papa è vicino e prega, perché il Signore ci liberi tutti presto dal male». E invita a non sprecare questo tempo facendolo fruttificare con la «creatività dell’amore»

iniziative san paolo

Con la Domenica delle Palme inizia la Settimana Santa. Passione, morte e risurrezione: si va al cuore della fede. Il Gruppo editoriale San Paolo, volendo rafforzare il legame con i suoi lettori, offre diversi aiuti per vivere a fondo questo periodo, superando l'angoscia e dando un senso al dolore. "Gesù guarisce", ad esempio, il libro di Paolo Curtaz scaricabile gratuitamente da questo sito, è una preziosa bussola per orientarsi nella tempesta che stiamo attraversando...

Santa Marta

Dalla profezia di Simeone - "una spada ti trafiggerà il cuore" - alla sepoltura del Figlio. Papa Francesco ricorda le sofferenze della Madonna, nostra Madre. E prega per chi oggi allevia le sofferenze dei poveri e pensa al dopo pandemia.

DIARIO DELLA SPERANZA/4

Don Luigi Ciotti riflette su questa tragica crisi che acuisce le differenze sociali: «La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità e le false sicurezze su cui abbiamo costruito le nostre agende. Ci sono  persone che non possono restare a casa – come è necessario stare – per il semplice fatto che una casa non ce l'hanno». Quarta tappa del nostro cammino verso la Pasqua.

ANNIVERSARIO

Parla il postulatore,  monsignor Slawomir Oder, che spiega il suo legame con la Vergine.

ANNIVERSARIO

«Sapeva ascoltare. Non si chiuse in Vaticano: la sua Chiesa voleva essere anima e compagna dei popoli»: così lo ricorda lo storico ed ex ministro, fondatore della Comunità di Sant'Egidio. 

anniversario

Il 2 aprile di 15 anni fa si spegneva san Giovanni Paolo II. Il ricordo della psicologa polacca Krystyna Zajac che lo conobbe nel 1974 a Cracovia. Il testo integrale della testimonianza è stato pubblicato, con altri servizi, sul numero 13 di Famiglia Cristiana. Stasera alle 21 in diretta su Tv2000 e Radio InBlu rosario e preghiera di supplica al Papa santo dal Policlinico Agostino Gemelli di Roma.

«UN UOMO DI DIO ESPERTO D'UMANITÀ», WOJTYLA RACCONTATO DA ANDREA RICCARDI

il papa

Francesco a Santa Marta commosso dall’immagine degli homeless di Las Vegas fatti evacuare dal dormitorio a causa del coronavirus: «Sul giornale, oggi, c’è una foto che colpisce il cuore. Chiediamo a Santa Teresa di Calcutta che risvegli in noi il senso della vicinanza a tante persone che nella società, nella vita normale, vivono nascoste ma, come i senzatetto, nel momento della crisi, si evidenziano così»

Chiedilo a Credere

In questo periodo di digiuno eucaristico forzato possiamo praticare questo atto di fede

Pubblicità
 
Multimedia
Edicola San Paolo