logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
Fotogallery

Barbie, una vera icona di stile, ma calano le vendite

26/04/2017La bambola più fashion e più amata dalle bambine di tutto il mondo perde consensi. Secondo gli ultimi dati le vendite sono calate del 13%. Dal 1958 a oggi ne sono state vendute oltre un miliardio.


a cura di
  • Barbie, modello Teen Age Fashion Doll, 1959
    Barbie nella prima versione di Teen Age Fashion Model del 1959, qui nella versione bionda, con costume da bagno zebrato in jersey, occhiali da sole, orecchini, coda di cavallo (modello Ponytail), e, gli immancabili, tacchi alti - Barbie, modello Teen Age Fashion Doll, 1959 © Mattel Inc.
  • Barbie e Ken, 1961
    Barbie e Ken, 1961 - © Mattel Inc.
  • Barbie Millicent Roberts
    Teen Age Fashion Model Barbie Doll nella riedizione del 2009 per la linea Collectors - © Mattel Inc.
  • 1986 Barbie&The Rockers
    Barbie, modello Superstar, 1977 ©Mattel Inc.
  • Barbie as Audrey Hepburn, 1998
    Barbie as Audrey Hepburn, 1998 ©Mattel Inc
  • Barbie e le sue carriere
    Barbie e le sue innumerevoli carriere, oltre 156 a partire dal 1959 - © Mattel Inc.
  • Barbie indossa loutifit  Evening Splendour, 1959 (Collectors edition)
    Barbie indossa l'outifit Evening Splendour, 1959 (Collectors edition) - © Mattel Inc.
  • Barbie Modern Art, 1964
    Barbie Modern Art, 1964 - © Mattel Inc.
  • Barbie, modello Black, 1980
    Barbie, modello Black, 1980 - © Mattel Inc
  • Barbie, modello BubbleCut, 1962
    Barbie, modello Bubblecut, 1962 - © Mattel Inc
  • Barbie, modello Malibu, 1971
    Barbie in versione Malibu (1971), con la pelle abbronzata, lucenti occhi azzurri, massima espressione dello stile californiano - © Mattel Inc..
  • Barbie, modello Superstar, 1977
    Barbie Superstar creata nel 1977 è la quintessenza dell’icona americana. Lo scultore Joyce Clark definisce i nuovi tratti somatici della bambola ispirandosi all’attrice americana Farrah Fawcett, protagonista del serial televisivo Charlie’s Angels - © Mattel Inc.
  • Barbie, modello TwistNTurn, 1967
    Barbie Twist’ N’ Turn appare nel 1967, con il busto ruotabile, il make up completamente cambiato, le ciglia in fibra sintetica applicate agli occhi più grandi. I capelli si allungano e sono legati alla sommità del capo da un nastrino colorato. Barbie non è più identificabile con le Pin up americane o con le grandi dive di Hollyvood degli anni Cinquanta, bensì con le nuove icone britanniche della moda, da Jean Shrimpton a Twiggy - © Mattel Inc.
  • Barbie, modello WaistUp, 2004
    Barbie, modello Waist Up, 2004 - ©Mattel Inc.
  • Barbies Making of
    Barbie's Making of © Mattel Inc.
  • Barie as Marilyn, 1997
    Barbie as Marilyn, 1997 - © Mattel Inc
  • GraceKellyBrideDoll, 2011
    Barbie Grace Kelly sposa, 2011 - © Mattel Inc.
  • GreaseBarbieDolls, 2004-2008
    Barbie Grease Dolls: Frenchy (2008), Barbie come Sandy (2004), Rizzo (2008) - © Mattel Inc.
  • Haute Couture set designed by Oscar De la Renta, 1985
    Barbie Superstar indossa un modello di Oscar de la Renta disegnato nel 1985 - © Mattel Inc.
  • Ruth Handler e il marito Elliott
    Ruth e Elliot Handler con una Barbie modello Bubblecut del 1962. ComeBarbie, anche Ruth sfoggia per l’occasione una nuova acconciatura: un caschetto con cotonatura e frangia - © Mattel Inc.
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Pubblicità
    Edicola San Paolo