logo san paolo
mercoledì 28 febbraio 2024
 
Fotogallery

Betlemme, l'attesa triste del Natale che quest'anno non si festeggerà

04/12/2023Niente luci, accensione di presepi, incontri. Nella città dove è nato Gesù, in Cisgiordania, le autorità locali hanno annunciato che la comunità cristiana sospenderà i festeggiamenti pubblici per Natale come gesto di solidarietà nei confronti della popolazione palestinese nella Striscia di Gaza, sotto assedio dell’esercito israeliano da quasi due mesi. Le funzioni religiose saranno comunque svolte, ma sono state annullate le manifestazioni e le parate che di solito si svolgono in città durante il periodo natalizio, e non saranno esposti addobbi pubblici. Con le stesse ragioni sono stati sospesi i festeggiamenti del Natale anche a Gerusalemme e in Giordania, il paese che ospita la più alta concentrazione di rifugiati palestinesi al mondo. Sabato 2 dicembre, con l’ingresso in città del Custode di terra Santa, padre Francesco Patton, e la celebrazione dei Primi vespri d’inizio Avvento, sono cominciale le celebrazioni. Il Custode ha celebrato nella chiesa di Santa Caterina a Betlemme, la messa della prima Domenica di Avvento: «Tutto ci richiama alla sobrietà in questo tempo: il colore delle vesti liturgiche, che è il viola, poi la sobrietà del cibo per non offendere chi sta soffrendo la fame; anche la sobrietà nelle luminarie e negli addobbi in vista del Natale, come è stato richiesto e suggerito dai capi delle Chiese in solidarietà con tutti quelli che stanno soffrendo a causa della guerra in Palestina, a Gaza e in Israele ma anche in molte altre parti del mondo».

 
 
Pubblicità
Pubblicità
Edicola San Paolo