Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
Fotogallery

Il Papa invoca la pace in terra tamil e poi fuori programma al tempio buddista

14/01/2015La guerra in Sri Lanka, conclusa nel 2009 dopo un conflitto duranto trent'anni, ha portato «tanto odio, tanta violenza e tanta distruzione». Ma dall’esempio di Maria, che ai piedi della Croce «ha perdonato gli uccisori di suo Figlio Gesù», tutti gli srilankesi – Tamil e Singalesi – possano trovare «ispirazione e forza per costruire un futuro di riconciliazione, di giustizia e di pace». Questo l’auspicio di Papa Francesco, che mercoledì mattina ha visitato il Santuario Mariano di Nostra Signora di Madhu, nel nord del Paese, un luogo che, proprio a causa del conflitto, non era mai stato meta di pellegrinaggio nei precedenti viaggi di Paolo VI e Giovanni Paolo II. Nel corso della celebrazione, è stata innalzata una particolare preghiera mariana per il consolidamento della pace. Poi, di ritorno da Madhu, c'è stato un fuori programma. Bergoglio si è fermato per visitare il tempio buddista di Mahabodhi a Colombo, dove vive il monaco Banagala Upatisssa, incontrato all'aeroporto il giorno dell'arrivo e durante l'incontro di martedì con i leader religiosi del Paese

 
 
Pubblicità
Pubblicità
Edicola San Paolo