Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
Fotogallery

Bimbi, donne velate, giovani: i mille volti della protesta contro Trump

30/01/2017Lo scorso weekend migliaia di persone hanno protestato contro i provvedimenti sull’immigrazione firmati il 27 gennaio dal presidentedegli Stati Uniti Donald Trump, che impediscono l’ingresso nel Paese ai cittadini di sette paesi a maggioranza musulmana (Iran, Iraq, Siria, Sudan, Libia, Somalia, Yemen) e sospendono tutte le procedure di asilo per tre mesi. Ci sono stati viaggiatori bloccati negli aeroporti di partenza e tanti fermati in arrivo negli aeroporti delle città americane: l’applicazione dei divieti coinvolge non solo i nuovi immigrati, ma anche molte persone che vivono e lavorano da tempo negli Stati Uniti. Una delle conseguenze di questi divieti è stata una grande mobilitazione popolare, con manifestazioni di solidarietà e protesta nei grandi aeroporti e per le strade di New York, Washington D.C., Chicago, Seattle, Philadelphia, San Francisco, Atlanta, Dearborn (Michigan), Houston, Portland (Oregon), Los Angeles. Manifestazioni anche nella capitale europea, Bruxelles

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Pubblicità
    Edicola San Paolo