logo san paolo
giovedì 09 dicembre 2021
 
Fotogallery

La Madia non è la prima

28/02/2014Tra le otto donne ministro del governo Renzi nel giorno del giuramento al Quirinale Marianna Madia ha mostrato la sua bella pancia da ottavo mese di gravidanza. Ma non è la prima ad affrontare questo impegno durante una gravidanza

  • 1_Marianna Madia
    Marianna Madia, ministro della Semplificazione nel Governo Renzi
  • 2_Gelmini_2010
    Mariastella Gelmini, nominata ministro dell’Istruzione nel 2008: il 10 aprile 2010 diede alla luce Emma.
  • 3_stefania Prestigiacomo
    La prima ministro a giurare in stato interessante fu Stefania Prestigiacomo, nominata per le Pari Opportunità nel 2001. A fine anno nacque il piccolo Gian Maria.
  • 4_Rachida Dati
    Nel 2008 il guardasigilli francese Rachida Dati, 42 anni e nubile, annunciò la sua gravidanza.
  • 5_Carme Chacon_1
    In Spagna fece scalpore nel 2008 la nomina alla Difesa di Carmen Chacon. Nelle settimane successive in stato avanzato di gravidanza visitò i contingenti Spagnoli in missione all'estero in Kosovo e Afghanistan.
  • 6_Carme Chacon_2
    Carmen Chacon, ministro alla Difesa giura col Governo Zapatero nel 2008.
  • 7_Jo Swinson
    Il ministro inglese per le Pari Opportunità Jo Swinson lo scorso ottobre resta 30 minuti in piedi in Parlamento durante una seduta. Per lei nessun problema: farla sedere sarebbe stato "sessista".
  • Nuovo Elemento
    Yvette Cooper, ex ministro laburista. Nel 2001 è stat la prima donna di governo ad andare in maternità durante un mandato.
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Pubblicità
    Edicola San Paolo