Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
Fotogallery

Il grido del Papa a Santa Maria Maggiore: «Finisca presto la guerra»

01/06/2022La Basilica si “colora” di giallo e di blu per il Rosario della pace con cui papa Francesco ha chiuso martedì pomeriggio il mese mariano. Sono tantissimi i pellegrini che hanno indossato foulard o bandiere simbolo dell'Ucraina durante la recita delle preghiere. A recitare una decina del Rosario anche una famiglia ucraina: mamma, papà e tre bimbe. Nel suo appello alla Madonna davanti alla statua della Regina della pace, voluta da Benedetto XV per chiedere la fine della Prima Guerra Mondiale nel 1918, papa Francesco - ancora una volta sulla sedia a rotelle anche durante l'intera funzione - ha chiesto «il grande dono della pace». «Cessi presto la guerra - le sue parole -, che ormai da decenni imperversa in varie parti del mondo, e che ora ha invaso anche il continente europeo. Siamo consapevoli che la pace non può essere solo il risultato di negoziati né una conseguenza di soli accordi politici, ma è soprattutto dono pasquale dello Spirito Santo. Abbiamo consacrato al tuo Cuore Immacolato le nazioni in guerra e domandato il grande dono della conversione dei cuori. Siamo certi che con le armi della preghiera, del digiuno, dell'elemosina, e con il dono della tua grazia, si possano cambiare i cuori degli uomini e le sorti del mondo intero». Al leggio si sono alternati volontari, profughi, familiari di vittime di guerra e cappellani militari

 
 
Pubblicità
Pubblicità
GIOCHI OLIMPICI

Si fa il nome del ragazzo d'oro dello sport italiano per la Cerimonia d'apertura del 2024. Secondo noi sarebbe prematuro. Ecco perché

Edicola San Paolo