Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Fotogallery

Le suore di clausura pregano per Maradona: «Il Padre dei poveri ti sorride nel cielo»

26/11/2020«Un segno, un piccolo segno, una bandiera sul terrazzo del nostro monastero, per dire che abitiamo a Napoli e che partecipiamo col cuore a questo evento che ha intristito tutta la città». Suor Rosa Lupoli delle monache Clarisse Cappuccine di Napoli su Facebook condivide il dolore per la morte di Diego Armando Maradona. «Nessuna di noi l’ha conosciuto personalmente», ha scritto in un post, «ma come mi ha detto ieri sera (mercoledì, ndr) una sorella di 78 anni vedendomi piangere che ha quasi perso la memoria e che vive qui dentro da quasi 60 anni, non lo conosceva ma ne aveva sentito parlare anche in clausura». Suor Rosa prosegue: «Io sono entrata in monastero il 5 maggio 1990 e via Pisanelli era un tripudio azzurro di bandiere con il volto di Maradona che aveva fatto vincere al Napoli il secondo scudetto! Venivo da Ischia, dove c’era grande tifo, e mio padre era tra i primi, ma poca scenografia e pensai che i napoletani fossero completamente fuori di testa, nel senso positivo del termine». La monaca, anche a nome delle consorelle, annuncia la preghiera di suffragio per l’anima di Maradona: «Carissimo Diego», conclude, «per tutti i "bicchieri d'acqua" dati a tanti "piccoli", siamo certe che il Padre dei poveri ti sorrida con grande tenerezza nel suo bellissimo cielo oggi ancora più azzurro».

 
 
Pubblicità
Pubblicità
GIOCHI OLIMPICI

Si fa il nome del ragazzo d'oro dello sport italiano per la Cerimonia d'apertura del 2024. Secondo noi sarebbe prematuro. Ecco perché

Edicola San Paolo