Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
Fotogallery

Siria, una mostra itinerante racconta la peggiore crisi degli ultimi 20 anni

26/08/2015Ecco alcune delle foto di Francesco Fantini, che stanno girando l’Europa perché non si dimentichi che la guerra continua. Gli sfollati sono 7,6 milioni, altri 4 hanno lasciato il Paese, 230 mila i morti. Le immagini, però, ci ricordano che non si tratta di numeri ma di persone, di storie, di volti.

  • 001_1850
    Rifugiati siriani arrivati nella notte, in attesa nel capannone di accoglienza – Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013 (tutte le foto sono di Francesco Fantini).
  • 005_1890
    Samira e sua nipote di 10 giorni, appena arrivate nel campo – Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013.
  • 007_1486
    Rifugiati siriani, arrivati il giorno prima, montano le loro tende - Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013.
  • 012B1777
    Un ragazzo siriano richiede la sua razione di pane – Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013.
  • 014_1455
    Due rifugiati cercano il segnale siriano per parlare con i familiari rimasti in Siria – Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013.
  • 018_1375
    Rami gioca su un'altalena improvvisata all'ingresso della sua tenda - Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013.
  • 022_1614
    Due donne siriane al lavatoio pubblico - Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013.
  • 024_1602
    Una rifugiata siriana cuoce il pane su un forno improvvisato – Campo di rifugiati di Zaatari, Giordania, gennaio 2013.
  • 029_3198
    Faysal, spaventato dalla visita medica, in un centro di salute per rifugiati siriani – Bekaa nord, Libano, gennaio 2013.
  • 034B0286
    Karim, responsabile di un centro di riabilitazione per feriti siriani, ride e scherza con Samir, che ha perso la sensibilità delle gambe – Amman, Giordania, dicembre 2012.
  • 035_0613
    Ali con figli e nipoti, rifugiati in una casupola rurale in affitto – Regione di Mafraq, Giordania, gennaio 2013.
  • 038_0687
    Bambini rifugiati nel cortile del loro alloggio – Regione di Mafraq, Giordania, gennaio 2013.
  • 042_2250
    Mohammed sulla soglia del garage in cui abita – Akkar, Libano, gennaio 2013.
  • 048_2369
    Un accampamento di rifugiati siriani, dopo la tempesta e l'alluvione - Akkar, Libano, gennaio 2013.
  • 051_2990
    Umm Ahmed mostra i danni nella sua tenda dopo l'alluvione - Bekaa centrale, Libano, gennaio 2013.
  • 060_2514
    Un accampamento di rifugiati siriani sotto la neve - Akkar, Libano, gennaio 2013.
  • 062_2446
    Jamila trema di freddo e di eccitazione in un attimo di gioco nella neve - Akkar, Libano, gennaio 2013.
  • 066A3026
    Le tende di un accampamento allagato, sospese tra l'acqua e la neve - Bekaa centrale, Libano, gennaio 2013.
  • 067_3006
    Umm Ibrahim e sua nipote Munira, in un accampamento allagato – Bekaa centrale, Libano, gennaio 2013.
  • 068A3048
    Hasan cammina da solo nel mezzo di un accampamento allagato – Bekaa centrale, Libano, gennaio 2013.
 
 
Pubblicità
Pubblicità
GIOCHI OLIMPICI

Si fa il nome del ragazzo d'oro dello sport italiano per la Cerimonia d'apertura del 2024. Secondo noi sarebbe prematuro. Ecco perché

Edicola San Paolo