Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
Risultati ricerca

Risultati di ricerca per tag: "papa Francesco" Trovati 2923 contenuti

Articolo

«Pregate perché ricchi e ipocriti si convertano»

06 luglio 2016

Bergoglio ha incontrato circa 200 tra emarginati e volontari, giunti in pellegrinaggio dalla provincia francese di Lione. «Voi siete nel cuore della Chiesa. E la Chiesa non può stare tranquilla finché non ha raggiunto tutti coloro che sperimentano il rifiuto». 

Articolo

Il Papa: «Siate testimoni del perdono come Santa Maria Goretti»

02 luglio 2016

Francesco ha inviato un messaggio alle diocesi di Albano e Latina-Terracina-Sezze-Priverno, legate al culto di Santa Maria Goretti, sottolineando il «fervore» della giovane martire nel ricevere l’Eucaristia e soprattutto ponendo l’accento sulle «parole di perdono» che ebbe verso colui che intendeva violentarla

Articolo

«Siate costruttori di pace, non notai del rancore»

25 giugno 2016

Bergoglio auspica il dialogo tra turchi e armeni. Nella preghiera per la pace, per gli armeni della Chiesa apostolica, culmine della visita in Armenia, Francesco ricorda che l'unità non viene da uno sforzo della volontà, ma dalla preghiera. Il Papa parla delle conseguenze tragiche delle guerre, delle popolazioni costrette a lasciare tutto e spinge i giovani a costruire il futuro facendosi promotori attivi di una cultura dell'incontro.



Articolo

Il console che arrivò in Armenia e non se n'è andato più

24 giugno 2016

Palermitano, medico, presidente della Fondazione Family Care, è arrivato nel Paese caucasico dopo il disastroso terremoto del 7 dicembre 1988 ed è rimasto. «Abbiamo ristrutturato i servizi di maternità degli ospedali perché le mamme hanno diritto di partorire in un posto pulito», racconta. «Oggi tanti bambini di questa parte dell'Armenia portano nomi italiani, in segno di riconoscenza per ciò che abbiamo fatto»

Edicola San Paolo