Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
Risultati ricerca

Risultati di ricerca per tag: "testate nucleari" Trovati 5 contenuti

Articolo

Da Nagasaki all'Onu passando per il Nobel 2017, la lotta alla bomba atomica e gli appelli dei Papi

03 ottobre 2022

L'Angelus di domenica 2 ottobre è l'ultimo, accorato richiamo di un Pontefice. L’8 febbraio 1948, Pio XII definì l'arma nucleare «la più terribile che la mente umana abbia, fino ad oggi, ideata». Le parole di Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco. Nel 2017 la Campagna Internazionale per l’abolizione delle armi nucleari (Ican) vinse il Premio Nobel per la pace; quello stesso anno venne redatto un Trattato internazionale per la messa al bando delle micidiali testate: Bergoglio intervenne in un convegno promosso in Vaticano. E poi, nel 2019, andò a Hiroshima e Nagasaki...

Articolo

Il Giappone della prima atomica (e non solo dei Giochi): l'appello di Pax Christi

05 agosto 2021

Il 6 agosto 1945 il B-29 statunitense Enola Gay sganciò su Hiroshima il primo ordigno nucleare. Il 9 agosto fu bombardata Nagasaki. «Le Olimpiadi? Una festa bellissima. Ma abbiamo la responsabilità della memoria. E dobbiamo lavorare perché orrori simili non si ripetano. Gli Stati che non l'hanno ancora fatto, come l'Italia, aderiscano alla messa al bando di queste terribili armi»

Articolo

Dal 22 gennaio armi nucleari messe al bando, ma l’Italia non c’è

20 gennaio 2021

Il Trattato entra in vigore dopo la ratifica di 50 Paesi, la soglia minima richiesta. Le norme, adottate da una conferenza delle Nazioni Unite il 7 luglio 2017, vietano lo sviluppo, i test, la produzione, l'immagazzinamento, il trasferimento, l'uso e la minaccia delle armi atomiche. La riflessione di don Renato Sacco, coordinatore nazionale di Pax Christi. 

Edicola San Paolo