Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
Video

Incendi in Australia, l'emergenza non è finita

20 gennaio 2020 Nonostante l'arrivo della pioggia, secondo WWF, il dramma non è finito. I devastanti incendi che stanno sconvolgendo l’Australia producono effetti drammatici non solo per la perdita di vite umane, di milioni di ettari di ecosistemi forestali e la morte di milioni di animali selvatici e domestici. Effetti secondari ma non meno drammatici sono quelli che le centinaia di tonnellate di cenere e detriti prodotti dagli incendi hanno e avranno sull’ambiente e sulla salute nei prossimi mesi. In questo momento, più di 10 milioni di ettari di foreste (un’area come il Portogallo) sono stati bruciati, soprattutto nel sud-est del continente. E milioni di tonnellate di cenere finiranno nei corsi d’acqua e nei laghi: è altamente probabile che inquinino le riserve d’acqua e uccidano la fauna acquatica. Ed è quanto sta accadendo in Australia da settimane: cenere, fuliggine e foglie carbonizzate si sono accumulate su suolo, e se da un lato le piogge di questi giorni stanno spegnendo alcuni focolai, dall’altro rischiano di rendere più difficoltose le operazioni a causa del fango e di innescare un nuovo dramma ecologico. L’accumulo di nutrienti nelle acque favorirà lo sviluppo di cianobatteri, creando problemi per la depurazione e quindi l’approvvigionamento di acqua potabile. Gli effetti saranno devastanti anche per le specie che popolano i fiumi e gli specchi d’acqua dolce. Una volta che questi sedimenti arrivano agli oceani può avere impatti anche sulla fauna marina. A rischio anche i ghiacciai neozelandesi, che si stanno tingendo di color grigio-arancio a causa delle ceneri e dei fumi trasportati dal vento. Un processo che non impatta solo il paesaggio, ma ha un grave ruolo nell’accelerare il loro scioglimento, già in corso a causa del riscaldamento globale in atto.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo