Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Fotogallery

Prima della Scala, le immagini del teatro e della "Prima" diffusa in città

08/12/2023Con il "Don Carlo" di Giuseppe Verdi è stata inaugurata la stagione lirica della Scala di Milano. Presenti sul palco reale la senatrice a vita Liliana Segre, il sindaco di Milano Beppe Sala, il presidente del Senato Ignazio La Russa. Dietro di loro il vicepremier Matteo Salvini, il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, la ministra per le Riforme istituzionali Maria Elisabetta Alberti Casellati, il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. In sala il Sottosegretario alla Cultura Gianmarco Mazzi, il senatore a vita Mario Monti. Gli applausi del pubblico, durati 14 minuti, e numerose chiamate al proscenio sono stati unanimi nel decretare il successo musicale dello spettacolo, con l'orchestra scaligera diretta da Riccardo Chailly. Molte critiche invece alla regia. Apprezzamenti anche per il coro guidato da Alberto Malazzi e le voci principali. In particolare Anna Netrebko (Elisabetta di Valois), Michele Pertusi (Filippo II), Luca Salsi (Rodrigo), Elina Garança (Principessa d'Eboli), Jongmin Park (il Grande Inquisitore), già premiati da battimani a scena aperta. La Prima è andata in scena, con l’iniziativa “Prima diffusa” in molti luoghi e periferie della città, dal carcere di San Vittore alle ex docce di Rogoredo

 
 
Pubblicità
Pubblicità
GIOCHI OLIMPICI

Si fa il nome del ragazzo d'oro dello sport italiano per la Cerimonia d'apertura del 2024. Secondo noi sarebbe prematuro. Ecco perché

Edicola San Paolo