logo san paolo
venerdì 07 agosto 2020
 

Il Vaticano boccia la formula “alternativa” del battesimo

Nota dottrinale

In alcune comunità è stata utilizzata la formula «A nome del papà e della mamma, del padrino e della madrina, dei nonni, dei familiari, degli amici, a nome della comunità noi ti battezziamo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo»: battesimo invalido e da rifare

Commenta
0
 
I vostri commenti

    L'articolo non ha ancora alcun commento

    L'analisi

    Libano: si schianta tra macerie e distruzioni il miracoloso volo del "calabrone" d'Oriente


    Dinamico e pieno di contraddizioni, in equilibrio precario tra etnie e religioni, il Paese dei Cedri "non è adatto a volare, ma lo fa lo stesso". Fino ad oggi: l'esplosione al porto di Beirut fa salire in superficie i problemi già agitati dalla crisi economica. La bomba non è quella immaginaria di Trump. Il nodo da sciogliere si chiama Hezbollah

     
    6 agosto 1945

    Per gentile concessione delle Edizioni Ares pubblichiamo un brano tratto dal romanzo Il cavallo rosso dello scrittore Eugenio Corti (1921-2014) che narra l’angoscia che portò tra i prigionieri di guerra la notizia dello scoppio delle prime bombe atomiche nel 1945 (nella foto: il "fungo" provocato dall'esplosione della bomba atomica sulla città giapponese di Nagasaki il 9 agosto 1945)

    75 anni fa

    Il 6 agosto del 1945 alle 8.16 del mattino gli Americano sganciarono sulla città giapponese di Hiroshima "Little Boy" la prima bomba nucleare utilizzata in un conflitto militare. I morti furono immediatamente 60.000 e in seguito quasi 200.000 per le radiazione. Il 9 agosto fu la volta di Nagasaki. Una atrocità impossibile da dimenticare.

    dossier

    I tempi record della costruzione non hanno rimarginato la ferita di due anni fa. I numeri dell’impresa, il disincanto dei genovesi. Viaggio nella città più elogiata d’Italia ma che non si sente affatto un modello. Ecco perché

    PIETRO PAROLIN

    In Francia per il suo primo viaggio post lockdown, il cardinale Segretario di Stato ripercorre gli aspetti più significativi della figura del Curato di Ars, san Giovanni Maria Vienney, in relazione alle sfide che attendono i sacerdoti di oggi. Parolin ricorda anche il cardinale congolese Emile Biayenda assassinato da un gruppo di soldati nel 1977

     

    ritratto

    Siamo stati a Cutro, in provincia di Crotone, il paese che l'ha visto crescere. La figura di quel ragazzino alto, schivo e gentile, che preferiva collezionare santini piuttosto che figurine di calciatori, nei ricordi di chi gli è stato accanto anni, da mamma Rita ai cugini Carolina e Filippo. E ai compagni di scuola.

    Corona in fuga

    L'ex re di Spagna sovrano dal 1975 al 2014, travolto dagli scandali finanziari, lascia la Spagna per non danneggiare la monarchia

    Pubblicità

     

    Grazie!

    Si svolge ad Alba dal 7 al 18 agosto si intitola Grazie e ogni concerto è riservato gratuitamente alle diverse categorie di lavoratori in prima linea per il Covid dai medici agli insegnanti. Sul palco Arturo Brachetti, Manu Chao, Francesco Gabbani, J-AX, Danilo Rea e Gino Paoli

    il racconto

    Compie quarant’anni la marcia dei giovani verso la Porziuncola, “fermata” quest’anno dalla pandemia. Una pellegrina che c’era l’anno scorso racconta la sua esperienza: «Ti insegna la familiarità con i limiti e a sentirti figlio e fratello in cammino verso il dono più grande»

    LA STRAGE DI BOLOGNA

    Il 2 agosto 1980, 40 anni fa, l'esplosione alla stazione: 85 vittime e 200 feriti. Era un torrido sabato di esodo verso le vacanze. Sul numero di Famiglia Cristiana in edicola in questi giorni l'intervista a Paolo Bolognesi.

    MARE

    Con l'arrivo del caldo nei nostri mari arrivano anche le meduse, che fare in caso di sgradevoli incontri ravvicinati? Istruzioni per l'uso, per grandi e piccini, seguendo i consigli scientifici dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

    I libri più venduti

     
    Le iniziative di Famiglia Cristiana
     
    Multimedia
    A colloquio con il padre
    Don Antonio risponde
    Don Antonio Rizzolo

    «Niente più guanti per la Comunione!»

    Egregio direttore, vorrei proporle qualche riflessione sull’uso dei guanti nella...

    SCRIVI AL DIRETTORE
    Calendario
    Liturgia del giorno

    Na 2,1.3; 3,1-3.6-7; Dt 32,35-36.39-41; Mt 16,24-28
       

    Ecco un personaggio dotato di uno straordinario dinamismo, il vicentino Gaetano da Thiene. Nato a Vicenza nell’ottobre 1480, secondogenito di una nobile famiglia, dopo la laurea conseguita nel 1504 a Padova in utroque iure, si trasferì a Roma entrando nella Curia pontificia con l’incarico di Protonotario Apostolico, scrittore delle lettere papali. Poi, siccome era approdata da Genova a Roma l’esperienza dell’Oratorio o Compagnia del Divino Amore, il cui scopo era soccorrere i poveri, Gaetano vi aderì e in breve tempo decise di farsi sacerdote, ricevendo l’ordinazione nel 1516. Durante la sua prima Messa, celebrata il giorno dell’Epifania, ebbe la visione della Vergine che gli consegnava il Bambino Gesù. Nello stesso periodo iniziò in intenso rapporto epistolare con una mistica bresciana, l’agostiniana Laura Mignani, rimanendo a lei spiritualmente legato per anni. Tornato a Vicenza, passò poi a Venezia dove ebbe l’idea di fondare una compagnia di sacerdoti che vivessero in comune professando i voti religiosi e imitando la Chiesa delle origini. Con Giampiero Carafa (futuro pontefice Paolo IV), Bonifacio Colli e Paolo Consiglieri, diede vita ad una comunità di Chierici Regolari che, dal nome della diocesi del Carafa, eletto vescovo di Chieti (in latino Theate), furono chiamati Teatini. Durante il sacco di Roma (1527) ad opera dei Lanzichenecchi, si trasferì a Venezia dove fu eletto Superiore Generale dell’Ordine, favorendone l’espansione e contribuendo efficacemente alla riforma religiosa dei costumi e intensificando lo slancio caritativo. Inviato poi a Napoli, insediò la sua comunità nella chiesa di San Paolo Maggiore, dedicandosi ad un intenso apostolato. Tra l’altro, rinfocolò la tradizionale devozione al presepio e promosse la Comunione frequente, all’epoca alquanto inusuale. Morì il 7 agosto 1547. Dopo un lungo silenzio, fu avviato il processo canonico dopo il quale fu proclamato beato ne1 1629 e santo nel 1671.

     
    Il vangelo della famiglia
    Rito Romano / Rito Ambrosiano
     
    Le iniziative San Paolo
     
    I blog selezionati
    Il grande libro del Creato
    Gianfranco Ravasi

    Il Golgota, monte della morte e della vita

    In realtà si tratta di uno sperone roccioso di sei o sette metri, ora inglobato...

    Rito romano
    don Fabio Rosini

    XIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - 9 AGOSTO

    Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare....

    Rito ambrosiano
    don Marco Bove

    X Domenica dopo Pentecoste - 9 agosto

    Per l’antico popolo d’Israele il Tempio di Gerusalemme aveva una grande...

     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%