logo san paolo
domenica 16 dicembre 2018
 
Bologna
 

Siamo laici, niente Croce al cimitero

02/02/2016  La maggioranza del Consiglio comunale di Casalecchio di Reno ha ritenuto di non dover collocare un crocifisso all'ingresso del nuovo ampliamento del camposanto. Una scelta, è stato spiegato, fatta nel nome del rispetto delle differenti fedi religiose e di chin non crede. Il pacato ma fermo dell'arcivescovo di Bologna, monsignor Zuppi: «Una decisione sbagliata e inopportuna».

Qui: una Croce al cimitero. Foto Ansa. In alto: un'immagine panoramica di Casalecchio di Reno.
Qui: una Croce al cimitero. Foto Ansa. In alto: un'immagine panoramica di Casalecchio di Reno.

Niente Croce all’ingresso del Cimitero del comune di Casalecchio di Reno, e nemmeno una scritta che richiami in qualche modo il credo cristiano perché “il cimitero è un luogo pubblico, e quindi hanno prevalso criteri di laicità”. Un dibattito trito e ritrito, che suona persino anacronistico. Eppure la querelle “croce sì, croce no” è uscita dalle aule scolastiche, dalle corsie degli ospedali e dalle aule dei tribunali, e ha raggiunto persino la soglia di quello che i nostri nonni chiamavano “Camposanto”.

Casalecchio di Reno è una popolosa cittadina di 36.000 abitanti, alle porte di Bologna. Anni fa l’amministrazione ha deciso di ampliare il cimitero creando anche una nuova entrata. Il vecchio ingresso monumentale, dove insistono ben 19 croci, doveva essere chiuso perché pericolante. Ci fu una consultazione coi parroci e l’allora sindaco promise che, al termine dei lavori, una croce avrebbe caratterizzato la nuova ala. Oggi il cantiere è terminato ma la croce, salvo ripensamenti, non sarà collocata e il nuovo ingresso sarà anonimo, come vuole la fede laicista che ha prevalso in consiglio comunale.

Il nuovo sindaco Pd Massimo Bosso infatti ha messo ai voti la richiesta dell'ufficio di presidenza del Consiglio comunale e i no hanno vinto, nonostante il parere avverso di alcuni dei suoi compagni di partito. Il cimitero è un luogo pubblico, non bisogna offendere la sensibilità di chi professa una fede diversa o di chi è ateo. Le opposizioni, come sempre capita in questi casi, sono insorte. Qualcuno ha piantato una croce in un’aiuola nei pressi del cimitero, altri hanno evocato l’editto di Saint Cloud di Napoleone. Nessuno ha pensato, più semplicemente, di rispettare la sensibilità della maggioranza delle persone che si recano a pregare sulle tombe dei loro cari , che certamente non si sentono offese ma piuttosto confortate da quello che è un segno di speranza universale.

Pacato ma deciso il commento del nuovo arcivescovo di Bologna, monsignor Matteo Zuppi.  «Credo che questa decisione sia sbagliata e inopportuna», ha dichiarato. «Lasciare la Croce all’ingresso di un cimitero non ne limita l’accoglienza e non offende nessuno, ma richiama a quell’umanesimo che fa parte anche della cultura laica».

I vostri commenti
51
scrivi

Stai visualizzando  dei 51 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo