logo san paolo
venerdì 22 marzo 2019
 

Addio a madre Cànopi, la mistica che ha fatto rifiorire la clausura

dossier

È morta a 87 anni la fondatrice del monastero benedettino di San Giulio, sul lago d’Orta. La laurea in Lettere alla Cattolica, la guerra, la chiamata maturata tra i giovani carcerati. Nel 1993, su incarico di Giovanni Paolo II, è stata la prima donna a scrivere le meditazioni della Via Crucis

Commenta
0
 
I vostri commenti

    L'articolo non ha ancora alcun commento

    21 marzo, Giornata della legalità

    "Il nemico è la mafia non i migranti"


    Le parole del fondatore di "Libera" don Luigi Ciotti a Padova, dove in 50 mila hanno manifestato in occasione della XXIV Giornata Nazionale dell'Impegno e della Memoria delle vittime innocenti della criminalità organizzata.

     
    Ecologia

    Un flash mob in piazza Duomo a Milano per lanciare l'iniziativa della Ong Max Laudadio dedicato ai ragazzi delle scuole superiori

    Il valore della differenziata

    Siamo consapevoli del valore di un gesto semplice come la raccolta differenziata? Che fine fanno la carta e il cartone che separiamo dagli altri rifiuti? Quali sono i passaggi che portano uno scarto a trasformarsi in un prodotto completamente nuovo? Di questo e di molto altro si parla durante tutto il mese di marzo. E la migliore idea per riciclare verrà premiata

    Sacramenti

    Nell'abbazia di San Paolo fuori le mura il Primo colloquio liturgico ecumenico nazionale. L'intervento dello studioso benedettino Jeronimo Pereira Silva

    il papa

    Francesco riceve i magistrati e i funzionari della Corte dei Conti: «Il vostro ruolo di controllo è fondamentale. Gli amministratori pubblici devono avvertire sempre più la responsabilità di operare con trasparenza e onestà»

    Pubblicità

     

    il papa

    Francesco a Santa Marta: «Il giudizio verso gli altri è un’abitudine di cui non ci accorgiamo più. Oltre a quella materiale, esiste l’elemosina spirituale: perdere il tempo con un altro che ha bisogno, visitare un ammalato, sorridere»

    Televisione

    Una fotografia delle donne italiane e su cosa vorrebbero fare o avere se avessero i poteri di una strega. È quello che...

    Giornata della Poesia

    La poesia è vita, e vive nella vita, anche nella sua quotidianità. Non c’è un momento per la poesia, tutti i momenti sono buoni. E non c’è un luogo per la poesia, perché tutti i luoghi possono accoglierla. Questa l’idea guida della prima giornata di primavera, giovedì 21 marzo, Giornata mondiale della poesia, a Pordenone

    I libri più venduti

    Musica

    «Dopo Cara Italia ho deciso di dedicare un’altra canzone d’amore a chi mi sta a fianco, alla prima persona che potrebbe cambiare le cose, a un amico, un fratello o una sorella. Perché forse bisogna guardarsi a fianco prima di cercare di cambiare la testa di chi tra di noi non vuole mai scendere a giocare. Non ho ancora perso le speranze», dice il rapper

    teatro

    "Nel Tempo degli dèi", l'ultima fatica di Marco Paolini in scena al Piccolo di Milano, presenta un Odisseo "diverso", pellegrino e "resistente" alle sirene delle nuove divinità. Ce lo svela Francesco Niccolini, coautore della piece.

     
    Le iniziative di Famiglia Cristiana
     
    Multimedia
    A colloquio con il padre
    Calendario
    Santo del giorno
    Santa Lea di Roma
    Video
     
    Liturgia del giorno

    Gen 37,3-4.12-13a.17b-28; Sal 104; Mt 21,33-43.45-46
       

    La vita di questa santa ci è nota solo attraverso una lettera di san Girolamo a Marcella, l’animatrice di una comunità femminile romana, della quale Lea era molto amica. Anche lei di famiglia nobile, rimasta vedova in giovane età, rifiutò di passare a seconde nozze con il console designato Vezzio Agorio Protestato e, dopo aver frequentato per un certo tempo la comunità di Marcella, sull’Aventino, dove si studiavano le Scritture e si pregava insieme vivendo in castità e povertà, come in un monastero, sotto la guida di san Girolamo, conquistata da questi ideali, a somiglianza dell’amica si ritirò, con le sue ancelle e con altre vergini, in un suo ager (dimora di campagna) nei pressi di Ostia, per condurvi una vita di penitenza e dedicarsi a opere di carità. Fu proprio una caratteristica di Roma, nella seconda metà del secolo IV, il costituirsi di nuclei o gruppi di tipo monastico (ma non erano monasteri nel senso attuale della parola) sotto la direzione di nobili matrone quali la citata Marcella, Paola e Proba. A Ostia Lea morì nel 384 e vi fu sepolta. Scrivendo di lei a Marcella, san Girolamo dice tra l’altro che Lea «si consacrò tutta al Signore, diventando nel monastero madre superiora delle vergini, mutando le vesti delicate di un tempo nel ruvido sacco che logorò le sue membra, passando inoltre in preghiera intere nottate, maestra di perfezione alle altre più con l’esempio che con le parole. Fu di una umiltà così profonda e così sincera che, dopo essere stata una grande dama, con molta servitù ai suoi ordini, si considerò poi come una serva… Spregevole la sua veste, grossolano il cibo, trascurava l’acconciatura del suo corpo; mentre poi adempiva ad ogni dovere, rifuggiva dal fare anche la minima ostentazione delle opere buone per non riceverne la ricompensa in questa vita». Probabilmente è per questo suo stile, di agire e tacere, sotto il segno del riserbo, che di lei si è saputo così poco. Ma la sua memoria non si è mai spenta.

       

    Neis, scopria la nuova ed elegante enciclopedia illustrata dei santi
     
    Il vangelo della famiglia
    Rito Romano / Rito Ambrosiano
    Famiglia Cristiana in edicola
     
    Le iniziative San Paolo
     
    I blog selezionati
    Luca, l’evangelista delle donne
    Gianfranco Ravasi

    Maria, «bella ragazza»

    Ora su Nazaret incombe l’imponente mole della basilica dell’Annunciazione,...

    Rito romano
    Fabio Rosini

    III Domenica di Quaresima (Anno C) - 24 Marzo 2019

    Le notizie sono appelli alla conversione Gesù disse loro: «Credete che...

    Rito ambrosiano
    Don Luigi Galli

    Domenica 24 marzo - III di Quaresima

    Lettura del Vangelo secondo Giovanni (8,31-59) In quel tempo. Il Signore Gesù...

     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
    Edicola San Paolo