logo san paolo
domenica 24 settembre 2017
 
sms solidale

Checco Zalone "bis" contro la SMA


Zalone bis contro la Sma. Anche quest’anno (sino al 9 ottobre), l’associazione Famiglie Sma (Atrofia muscolare spinale) lancia un appello nazionale per donare e continuare a sostenere i bambini malati. Basta chiamare da telefono fisso o inviare un sms al numero solidale 45521 per contribuire con 2 o 5 euro a raggiungere gli obiettivi prioritari nella lotta alla SMA.

Commenta
0
 
I vostri commenti

L'articolo non ha ancora alcun commento

 
CRISI IN SPAGNA

Il Governo autonomo della Catalogna ribadisce la volontà di organizzare i seggi elettorali.  Il segretario degli Esteri catalano Romeva accusa Madrid di non rispettare la democrazia e chiama in causa l'eredità del franchismo.

PEDOFILIA

Francesco ha parlato ricevendo i membri della Pontificia Commissione per la Tutela dei minori.  Su questo problema «è la realtà: siamo arrivati in ritardo». Di questa drammatica realtà si occuperà anche il Consiglio permanente dei vescovi italiani, il primo presieduto dal cardinale Gualtiero Bassetti, da maggio presidente della Cei, convocato per la settimana prossima a Roma.

Oggi a Toronto la cerimonia di apertura dell'evento sportivo a cui partecipano i militari disabili per causa di servizio. In...

voli cancellati

L'Italia è il Paese più danneggiata dalla cancellazione dei voli della compagnia aerea low cost Ryanair. L'Unione consumatori...

Equinozio d'autunno

Oggi alle 22,02 ore italiane salutiamo ufficialmente una delle stagioni estive che potrebbero rimanere nella storia, di certo...

Pubblicità

 

Devozione

Gragnano, in provincia di Napoli, accoglie la statua con le reliquie di Charbel: ecco la storia e il profondo amore per il mondo di Giuseppe Makhluf, santo senza frontiere

Summa familiae cura

Bergoglio istituisce un nuovo istituto di studi teologici sulla famiglia per superare “pratiche della pastorale e della missione che riflettono forme e modelli del passato”. Servirà ad applicare meglio l’ “Amoris laetitia” oltre le polemiche nate dopo i due Sinodi

Pubblicità

Intervista alla teologa

Contro la freddezza dei rapporti e la ferocia dei social, l’antidoto è questa forza gentile che ci fa vivere in modo più umano con gli altri e con noi stessi. Un'anteprima da Famiglia Cristiana n. 39 in edicola da domani

Ius soli

"Come si può pretendere di educare alle regole della democrazia e della convivenza studenti che sono e saranno discriminati per provenienza?": lo chiedono gli insegnanti degli 800 mila studenti che frequentano la scuola senza essere riconosciuti cittadini italiani. Fra i primi firmatari, Franco Lorenzoni ed Eraldo Affinati. E per il 3 ottobre viene proposto un gesto simbolico.

FEDE E CULTURA

Arte, musica, spettacoli, riflessioni, preghiera: dal 23 settembre al primo ottobre l'ottava edizione della rassegna organizzata dalla diocesi.

 
Le iniziative di Famiglia Cristiana
 
Multimedia
A colloquio con il padre
Don Antonio risponde
Don Antonio Rizzolo

In chiesa con il ciuffo blu

Buonasera, sono una ragazza della Sicilia di 26 anni. Sono una ragazza con molta fede,...

SCRIVI AL DIRETTORE
Calendario
Liturgia del giorno
Is 55,6-9; Sal 144; Fil 1,20c-24.27a; Mt 20,1-16
  

La festa della beata Vergine della Mercede è legata alle vicende che spinsero san Pietro Nolasco a fondare l’Ordine della Mercede. Nel 1203, profondamente commosso dalla condizione miserabile dei cristiani fatti schiavi dai Mori, che allora erano padroni di gran parte della Spagna, si trasformò in mercante riuscendo a liberare col suo denaro trecento schiavi. Poi si unì ad altri nobili e generosi giovani per raccogliere offerte e ripetere ogni anno i riscatti. Ed ecco la svolta decisiva: nella notte dal 1° al 2 agosto 1218, gli apparve la Madonna che lo incoraggiò a fondare un Ordine che si dedicasse alle opere di misericordia e specialmente alla redenzione degli schiavi. Nacquero così i Mercedari: uno di loro, se le somme raccolte si rivelavano insufficienti per liberare uno schiavo, si sostituiva a lui. L’Ordine è tuttora attivo anche in Italia: a Cagliari, i Mercedari gestiscono il santuario della Madonna di Bonaria. Da loro la beata Vergine era onorata fin dagli inizi in Aragona e in Catalogna sotto il titolo “della Mercede”. Nel formulario liturgico del 24 settembre situato nella Raccolta di messe della beata Vergine Maria definita nel 1986, Cristo è presentato come il “Redentore del mondo”, che con il suo sacrificio ci ha conquistato la “libertà filiale”, e Maria è la serva del Signore, avendo dedicato tutta se stessa alla “missione redentrice del Figlio”. Come l’antica Giuditta con grande coraggio liberò il popolo dall’assedio di Oloferne, così Maria, nuova Giuditta, lottò con l’antico serpente, procurando la salvezza al popolo d’Israele e a tutta la Chiesa. La Vergine stette salda sotto la croce di Cristo “come generosa compagna della (sua) passione”; dichiarata madre dei discepoli del Figlio “con materna sollecitudine si china su di essi “che gemono nell’oppressione e nell’angoscia, perché spezzi i ceppi di ogni schiavitù, riacquistino la piena libertà del corpo e dello spirito”. Papa Innocenzo XII, nel 1696, estese questa festa a tutto il rito romano.
 
Il vangelo della famiglia
Rito Romano / Rito Ambrosiano
Famiglia Cristiana in edicola
 
I blog selezionati
La Bibbia e i giovani
Gianfranco Ravasi

Una scuola esigente

Ormai si sono riaperte le scuole. Abbiamo, così, pensato di entrare idealmente...

Rito ambrosiano
Don Luigi Galli

Domenica 24 settembre - IV dopo il martirio di san Giovanni il Precursore

Lettura del Vangelo secondo Giovanni (6,24-35) In quel tempo. Quando la folla vide...

 
Le iniziative San Paolo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Edicola San Paolo