logo san paolo
venerdì 14 dicembre 2018
 

Non ce l'ha fatta Antonio Megalizzi, l'italiano ferito a Strasburgo

terrorismo

Colpito da un proiettile al capo durante l'attentato è morto dopo tre giorni di coma irreversibile. Era nella città francese per seguire l'assemblea plenaria dell'Europarlamento per l'emittente radiofonica per cui lavorava.

Commenta
0
 
I vostri commenti

    L'articolo non ha ancora alcun commento

     
    vaticano

    Dal Consiglio dei cardinali il Papa “congeda” l’australiano Pell, il cileno Errazuriz e il congolese Monswengo che non verranno sostituiti. Presentata anche la proposta di un piano di riduzione dei costi della Santa Sede. Presentata al Pontefice anche la nuova proposta di Costituzione apostolica

    Canti di Natale

    Una delegazione di Salisburgo ha incontrato il pontefice in Vaticano in occasione della ricorrenza di una delle canzoni natalizie più celebri e tradotte al mondo. Vi riproponiamo il testo

    Una scuola da cambiare

    Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha annunciato di voler emanare una circolare affinché gli insegnanti diano meno compiti per le vacanze natalizie. «Vorrei sensibilizzare il corpo docente e le scuole ad un momento di riposo degli studenti e delle famiglie», ha dichiarato  «i compiti gravano sugli impegni delle famiglie e quindi vorrei dare un segnale. Penso a questi giorni di festività e ai ragazzi e alle famiglie che vogliono trascorrerle insieme". Riproponiamo un' intervista Maurizio Parodi,  promotore del movimento "Basta compiti".  

    Il decreto dignità

    Così scrive Piero Martello, presidente del Tribunale del lavoro di Milano, sull'ultimo numero della Rivista "Diritto Lavoro Europa", che analizza nei particolari il cosiddetto "decreto dignità"

    Pubblicità

     

    I nostri figli

    Dopo la tragedia della discoteca di Corinaldo si impone una riflessione sul tipo di musica che ascoltano i ragazzi, a volte ancora dei bambini. Lo psicoterapeuta Alberto Pellai ripensa a diversi modelli di canzoni di rottura del passato, che potevano comunque definirsi arte, a differenza di quelle attuali, e che continuano a distanza di decenni a essere apprezzate. 

    DOPO IL SINODO

    Una riflessione del vescovo di Noto, monsignor Antonio Staglianò: da quella «sana inquietudine» che spinge alla ricerca dell'infinito a una rimodulazione della vita parrocchiale, meno segnata dalla burocrazia e più docile a quanto suggerisce lo Spirito Santo

    I libri più venduti

     
    Le iniziative di Famiglia Cristiana
     
    Multimedia
    Calendario
    Liturgia del giorno

    Is 48,17-19; Sal 1; Mt 11,16-19
        

    Giovanni della Croce è il dottore classico della teologia mistica. Nato a Fontiveros, in Castiglia, nel 1542 da nobile famiglia decaduta, ricevette la formazione intellettuale nel collegio dei Gesuiti mentre prestava servizio come infermiere presso un ospedale. Nel 1563 abbracciò la vita religiosa presso i fratelli carmelitani della Vergine a Medina del Campo; poi, dopo aver rinunciato a farsi certosino avendo conosciuto Teresa d’Avila, entrò nell’ordine carmelitano, conquistato alla riforma che la santa aveva avviato per riportare le comunità alla primitiva regola, redatta verso il 1209, che si era attenuata nel 1431. Con due compagni iniziò la sua opera a Duruelo (Vecchia Castiglia), successivamente fu a Mancera, a Pastrana (come maestro dei novizi), e per 16 mesi nel collegio universitario di Alcalà. Dal 1572 al 1577 fu confessore delle carmelitane del monastero dell’Incarnazione ad Avila, dove Teresa lo aveva presentato come «un padre che è un santo». Ma nel 1575 un capitolo generale dei carmelitani, a Piacenza, emise un severo giudizio contro i riformatori, considerati «ribelli, disobbedienti e contumaci» e Giovanni nel 1577 fu rinchiuso in una cella a Toledo per 9 mesi, durante i quali subì pene fisiche e morali fino all’angoscia mistica del Getsemani, che descrisse poi nel Cantico spirituale. Per intervento della Madonna poté fuggire presso delle carmelitane che lo nascosero, e passò quindi in Andalusia trascorrendovi il resto della sua vita, prima come superiore e fondatore del convento di Baeza (1579), cominciano lì a redigere la Salita al monte Carmelo e Notte oscura dell’anima; quindi come priore a Granada (1582) dove ultimò il Cantico spirituale e la Fiamma viva d’amore. Nel 1588 fu priore a Segovia, ma poi venne emarginato dal Capitolo Generale di Madrid del 1591. Morì pochi mesi dopo, il 14 dicembre, nel convento di Ubeda. Canonizzato nel 1726, fu proclamato dottore della Chiesa nel 1926.

     
    Il vangelo della famiglia
    Rito Romano / Rito Ambrosiano
    Famiglia Cristiana in edicola
     
    Le iniziative San Paolo
     
    I blog selezionati
    Luca, l’evangelista delle donne
    Gianfranco Ravasi

    A Betlemme con Maria incinta di Gesù

    Siamo ormai alle soglie del Natale, una festa che ha necessariamente un’impronta...

    Rito romano
    Fabio Rosini

    III Domenica di Avvento (Anno C) - 16 Dicembre 2018

    IL BATTISTA E L’INVITO A METTERSI IN CAMMINO Le folle interrogavano Giovanni,...

    Rito ambrosiano
    Don Luigi Galli

    Domenica 16 dicembre - V di Avvento

    Lettura del Vangelo secondo Giovanni (3,23-32a) In quel tempo. Giovanni battezzava a...

     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
    Edicola San Paolo