logo san paolo
martedì 24 ottobre 2017
 
Giornata missionaria 2017

Portare la Buona Novella nell’era della globalizzazione


I missionari italiani sono poco più di 8 mila, rispetto ai 24 mila degli anni Novanta. Nel frattempo, però, crescono le giovani Chiese, in un mondo sempre più interdipendente. Ecco come gli istituti si stanno interrogando sulle nuove esigenze della missione

 
nei luoghi di don 3P

Il 21 ottobre ricorre la memoria di don Puglisi, la sua vita ci insegna che la santità non l'inizio di qualcosa ma il risultato di tante cose.

Scuola

Insegnare fino a tarda età è possibile? È sostenibile? Spesso un insegnante che ha cominciato a vent’anni, a sessanta si sente usurato dal tempo, dai cicli che si ripetono, dai confronti con il passato: gli stimoli devono essere continuamente scovati, rincorsi, la motivazione nutrita e incoraggiata...

Ragazzi emotivi

I bambini crescono e da meravigliose, amate e dolci creature diventano difficili adolescenti che devono affrontare sconfitte e ostacoli dentro e fuori dalla famiglia. Per molti di loro delle vere e proprie "catastrofi". Ecco come gestirle

il discorso

Papa Francesco parla al convegno "La catechesi e le persone con disabilità": "Nessun limite fisico e psichico potrà mai essere un impedimento all'incontro con Gesù". 


Lettere in redazione

Confida disorientata, e chiede aiuto, una nostra lettrice: «Mio marito mi supplica di permettergli l’amante nei suoi lunghi viaggi di affari; anzi, vuole che la conosca. Dice che non può più stare senza di lei, ma neppure senza di me e la bambina». Rispondono i nostri consulenti familiari Mariateresa Zattoni e Gilberto Gillini

Pubblicità

 

E' accaduto a Modena

In una seconda elementare di Modena c'era un'unica bimba italiana a fronte di 18 alunni figli di immigrati. La madre le ha cambiato scuola, perché la figlia subiva una discriminazione al contrario
Vostro figlio da solo in una classe di stranieri: voi cosa fareste?

Il Teologo

«Quando il Papa parla di pericolo di pelagianesimo cosa significa esattamente?» Risponde il Teologo

Pubblicità

Il parere dello psicoterapeuta

In una mostra  a Roma, che espone opere realizzate con i mattoncini della Lego, due fratelli di 10 e 12 anni danneggiano un modello del Titanic. Un danno da 1500 euro, ma i genitori non vogliono pagare. Ma come sarebbe davvero meglio educare i figli dopo un incidente tanto imprevedibile?

Il teologo

«A distanza di pochi giorni ho ricevuto ben due richieste di trasmissione ad altre nove persone di due immaginette (sant’Antonio e Madre Teresa) con relativa preghiera e promessa di “grazie” speciali. Come comportarmi?» Risponde il Teologo

la novità

La decisione al termine dell’assemblea sinodale della diocesi di Spoleto-Norcia: «L’obiettivo», spiega il vescovo Renato Boccardo, «è rendere la catechesi più accessibile ai ragazzi e tornare alla scansione originaria dove il culmine dell’iniziazione cristiana era l’Eucarestia». I padrini dei ragazzi saranno i catechisti

 
Le iniziative di Famiglia Cristiana
 
Multimedia
A colloquio con il padre
Don Antonio risponde
Don Antonio Rizzolo

Come rispondere a una testimone di Geova

Una mia conoscente è testimone di Geova, e con lei ho sporadiche conversazioni....

SCRIVI AL DIRETTORE
Calendario
Santo del giorno
San Luigi Guanella
Video
 
Liturgia del giorno
Rm 5,12.15b.17-19.20b-21; Sal 39; Lc 12,35-38


Colui che Pio XI chiamò «il Garibaldi della carità» nacque a Fraciscio di Campodolcino (Sondrio), da una famiglia profondamente religiosa, il 19 dicembre 1842. Lo zio, prevosto di Campodolcino, gli ottenne un posto gratuito presso il Collegio Gallio di Como, diretto dai padri Somaschi, dove per sei anni studiò con ottimi risultati. Nel 1860 entrò nel seminario diocesano e durante gli studi di teologia conobbe san Giuseppe Benedetto Cottolengo e san Giovanni Bosco. Ordinato prete nel 1866, si dedicò a istruire e a educare i giovani, in gran parte analfabeti, a curare i malati e ad aiutare i poveri. A causa di difficoltà con le autorità civili, fortemente anticlericali, si recò a Torino rimanendo per tre anni con Don Bosco ed emettendo i voti; ma il suo vescovo lo richiamò a Como. Nominato parroco a Pianello Lario nel 1881, vi trovò un ospizio per orfanelli e un ricovero di vecchi e di invalidi, serviti da una comunità religiosa in formazione. Il Guanella si pose con tutte le sue forza a coltivare quel “granello di senape”, avendo come intelligente collaboratrice suor Marcellina Bosatta. Nel 1886 trasferì l’opera a Como in locali più ampi e adatti e la denominò “Piccola Casa della Divina Provvidenza” in omaggio al Cottolengo. Alle suore egli diede il nome di Figlie di S. Maria della Provvidenza. Fondata poi una seconda famiglia religiosa, i Servi della Carità, il 28 marzo 1908 egli pronunciò i voti religiosi con i primi compagni, dedicandosi ad assistere i derelitti, a soccorrere le vittime dei terremoto di Messina (1908) e della Marsica (1915), ad aprire scuole diurne e serali e ad occuparsi degli emigrati in America. Nel 1913 fondò l’Arciconfraternita del Transito di S. Giuseppe che oggi conta oltre 10 milioni di iscritti nel mondo. Colpito da apoplessia il 27 settembre 1915, morì il 24 ottobre a Como. Paolo VI lo ha proclamato beato il 25 ottobre 1964, mentre la canonizzazione è avvenuta il 23 ottobre 2011 per opera di Benedetto XVI.
 
Il vangelo della famiglia
Rito Romano / Rito Ambrosiano
Famiglia Cristiana in edicola
 
I blog selezionati
La Bibbia e i giovani
Gianfranco Ravasi

Il secondo che diventa primo

La scorsa settimana abbiamo messo in scena due giovani fratelli, i cui diritti di...

Rito ambrosiano
Don Luigi Galli

Domenica 22 ottobre - I dopo la dedicazione del Duomo di Milano

Lettura del Vangelo secondo Luca (24, 44-49a) In quel tempo. Il Signore Gesù...

 
Le iniziative San Paolo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Edicola San Paolo