logo san paolo
venerdì 20 ottobre 2017
 
Carlo Maria Martini
 

L'uomo che anticipò la Chiesa rinnovata

29/08/2013  A un anno dalla scomparsa dell’arcivescovo di Milano ripercorriamo i suoi tratti spirituali e le fortissime e profonde affinità che lo legano all’attuale pontefice. Nel segno di sant’Ignazio.

Quale eredità possiamo raccogliere dal cardinale Carlo Maria Martini a un anno dalla sua morte? Proverò a rispondere a questa domanda rifacendomi a un’idea a lui molto cara, centrale nella spiritualità e nella lingua di sant’Ignazio di Loyola: l’idea della riverenza. Ne avevamo parlato una volta, mentre riflettevamo insieme su quale fosse l’atteggiamento più consono al cristiano davanti alla complessità delle relazioni, in cui si sviluppa la vita. Cercavamo risposta in alcuni dei modelli di santità. Da parte mia, avevo ricordato l’“ascolto” monastico, cui san Benedetto invita sin dalle prime parole della sua Regula monachorum: «Ascolta, o figlio, gli insegnamenti del maestro». Avevo anche richiamato la “custodia” francescana, vissuta dal Poverello, custode del giardino di Dio, nel rapporto verso tutte le creature, come fa intendere il Cantico di frate sole.

Il cardinale mi parlò della riverenza ignaziana, quel rispetto profondo che nei confronti dell’Altissimo si fa adorazione e che investe anche il rapporto verso ogni creatura. Citò il principio e fondamento degli Esercizi: «L’uomo è creato per lodare, riverire e servire Dio nostro Signore e salvare così la propria anima». Richiamò la contemplazione per ottenere l’amore, un riverente riconoscere il dono dall’alto in tutto ciò che esiste. Martini ha vissuto questa riverenza anzitutto nei confronti di Dio: sta qui la radice ignaziana della sua spiritualità e della sua proposta circa il primato della «dimensione contemplativa della vita ». Tutto nasce dal fare l’esperienza dell’ineffabile vicinanza divina. Non si tratta certo di una semplice emozione, quanto piuttosto di educarsi a percepire le mozioni interiori con cui lo Spirito guida i credenti, grazie a un costante impegno di unione con Dio.

Chi ha conosciuto il cardinale Martini sa quanto intensa e profonda fosse in lui questa riverenza, al tempo stesso docile e inquieta, luminosa e oscura. Il rispetto adorante dovuto alla divina Presenza era, peraltro, un atteggiamento che lo aveva preso sin da piccolo, come testimonia il racconto che lui stesso ebbe a farmi del primo momento della sua vocazione: ad appena cinque anni, entrato in una chiesetta di montagna, era rimasto come incantato davanti alla lampada accesa accanto al tabernacolo, percependo in maniera chiarissima come potesse essere bello vivere tutta la vita davanti al Signore e per lui. In Martini la riverenza verso il divino si concretizzava nell’amore alla parola di Dio: è questo che spiega la cura con cui egli accostava il testo biblico ed è ciò che fa capire come il cardinale non si fermasse a una lettura meramente filologica delle Scritture, ma avvertisse l’urgenza di nutrirsi della Parola di vita, affinché essa inondasse della sua luce tutti gli spazi dell’anima.

Prima di proporla al suo popolo come via di un rinnovato incontro con la Bibbia, Martini aveva a lungo sperimentato la fecondità della lectio divina. Le quattro tappe, da lui costantemente indicate per farne esperienza, corrispondono a una frequentazione del testo ispirato, animata dall’intenzione di trovarvi ragioni di vita e di speranza, eloquenti per le donne e per gli uomini d’oggi.

  • Così, la prima tappa, la lettura propriamente detta, vuol rispondere alla domanda: «Che cosa dice il testo in sé?», e nasce dal desiderio di rispettare la Parola nella sua oggettività e perfino nella sua lontananza.
  • La seconda tappa è la meditazione, intesa come sosta interiore nella quale raccogliersi e chiedere a Dio: «Che cosa mi dici con queste tue parole?».
  • La terza tappa, l’orazione, è il momento in cui rivolgersi al Signore in un’umile risposta d’amore.
  • La tappa finale sta nell’invitare Dio ad abitare nel nostro cuore, perché sia lui a trasformarci e ad accompagnare i nostri passi. È la contemplazione, quella condizione in cui il cuore, toccato dalla presenza di Cristo, si chiede: «Che cosa devo fare per realizzare questa Parola?», e si decide a farlo.
A volte potrà sembrare che la Parola letta non dica niente: occorrerà allora ritornare a essa senza farle violenza e invocare: «Signore, dammi vita secondo la tua parola!» (Sal 118,107). Il rispetto riverente verso il Mistero Santo ci farà comprendere che Dio parla anche col suo silenzio e che in silenzio la sua Parola va accolta nel cuore: «Il Padre pronunciò una parola, che fu suo Figlio, e sempre la ripete in un eterno silenzio; perciò in silenzio essa deve essere ascoltata dall’anima» (san Giovanni della Croce, Sentenze. Spunti di amore, n. 21).

Il cardinal Martini ai funerali di GIovanni Paolo II
Il cardinal Martini ai funerali di GIovanni Paolo II

È ancora l’atteggiamento della riverenza quello che ispirava i rapporti ecclesiali di Carlo Maria Martini: non si trattava solo del rispetto dovuto ai superiori religiosi o della profonda venerazione da lui nutrita verso il successore di Pietro, ma anche della sua attenzione a ogni membro del popolo di Dio, quale che fosse la sua età o responsabilità o maturazione nella vita di fede. Un passaggio degli Esercizi spirituali di Ignazio fa ben comprendere che cosa significhi ispirare questi rapporti alla riverenza: «Un buon cristiano deve essere propenso a difendere piuttosto che a condannare l’affermazione di un altro. Se non può difenderla, cerchi di chiarire in che senso l’altro la intende; se la intende in modo erroneo, lo corregga benevolmente; se questo non basta, impieghi tutti i mezzi opportuni perché la intenda correttamente, e così possa salvarsi » (n. 22). Chi ha conosciuto il cardinale sa come ciascuno di questi passi fosse da lui scrupolosamente osservato. Da quest’atteggiamento di rispetto derivava in Martini il desiderio di una maggiore collegialità nella vita ecclesiale: non si trattava in alcun modo di una pretesa anti gerarchica o ispirata da quello che von Balthasar aveva definito l’«affetto anti romano ».

L’arcivescovo di Milano era fermamente convinto del ruolo decisivo del successore di Pietro nel confermare i fratelli: il maggior sviluppo della collegialità episcopale, da lui auspicato, voleva essere precisamente un aiuto all’esercizio il più possibile snello ed efficace del ministero petrino, oltre che una via per favorire l’effettiva sollecitudine per tutte le Chiese, di cui ogni vescovo è partecipe nel collegio episcopale. Nei rapporti, poi, con l’insieme del popolo di Dio quest’atteggiamento di rispetto per tutti si traduceva nella volontà di promuovere la “sinodalità”, intesa come partecipazione e corresponsabilità di ogni battezzato, secondo il dono ricevuto e il ministero esercitato, nei processi decisionali e nelle realizzazioni pastorali della Chiesa.  Una comunità dove tutti si sentissero responsabili e ognuno lo fosse effettivamente in accordo con la vocazione ricevuta da Dio: tale era il popolo dei battezzati nel “sogno” di questo grande successore di Ambrogio.

Martini arcivescovo durante una messa in Duomo, col pastorale.
Martini arcivescovo durante una messa in Duomo, col pastorale.

Infine, l’atteggiamento ignaziano della riverenza era alla base anche del modo di porsi di Martini nei confronti della cosiddetta cultura laica, dei non credenti e di tutti i possibili cercatori di Dio: il cardinale sapeva accogliere tutti, ascoltare tutti, non imporsi a nessuno. Allo stesso tempo, ascoltando le ragioni dell’altro, sapeva crescere nella consapevolezza del dono di credere e riusciva a camminare con l’altro, senza forzature né compromessi, sui sentieri dell’obbedienza alla verità. Anche in questo senso, Martini era un fedele discepolo di Ignazio di Loyola, i cui esercizi spirituali sono stati non a caso definiti dal linguista e semiologo francese Roland Barthes «il libro della domanda, e non della risposta», e cioè la grande pedagogia della mente e del cuore per mettersi in ascolto dell’Altro e lasciarsi visitare dal suo possibile dono. La “Cattedra dei non credenti” è stata in tale prospettiva una scuola di esercizio reciproco della riverenza per tutti, credenti e non credenti, e proprio per questo un luogo d’incontri sorprendenti, di approdi luminosi, di scoperte salutari. Resta da chiedersi se quanto s’è detto aiuti a valutare la prossimità o la lontananza del cardinale da papa Francesco. Le diversità sono evidenti: espressione del Nord del mondo l’uno, dalla tipica cultura europea, raffinato cultore di scienze bibliche, perfino aristocratico nell’impressione che suscitava in chi non lo conoscesse, data la sua innata timidezza; venuto «dalla fine del mondo» l’altro, espressione dell’anima latinoamericana, dall’umanità calda e comunicativa, dalla cultura vasta e insieme legata all’esperienza del servizio alle periferie geografiche ed esistenziali, testimone convinto della scelta preferenziale dei poveri e della povertà come stile di vita. Eppure, fra questi due poli, il legame mi sembra fortissimo: esso sta proprio nell’identità spirituale plasmata alla scuola di Ignazio e della riverenza. In questo senso, tanto sul piano del primato di Dio, quanto su quello del desiderio di una Chiesa di cristiani adulti e corresponsabili, dove collegialità e sinodalità siano di casa e dove ognuno possa sentirsi accolto e amato, Bergoglio e Martini sono vicinissimi, fino a poter intravedere nel Papa che Dio ha voluto oggi per la sua Chiesa la realizzazione della speranza e della preghiera, sulla quale si era chiusa appena ieri – come su una soglia affacciata al domani – la vita del grande successore di Ambrogio.

Multimedia
Carlo Maria Martini, un ricordo più vivo che mai
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo